Cronaca

“Non si può morire a 19 anni”, la rabbia e la disperazione degli amici e parenti di Raffaele

Non si rassegnano familiari e  amici di Raffaele Annunziata, morto in un tragico incidente mentre si stava recando in Calabria insieme all’altra vittima Giuseppe Ambrosini per andare a lavorare. Non è possibile che un ragazzo così giovane muoia per andare a lavorare”, si legge sulla sua bacheca facebook. E ancora  “Non si può morire così a 19 anni“,”.

Lo scontro mortale con un camion ha spezzato tutti i sogni e le speranze di Raffaele.

Raffaele era un tifoso del Napoli e da buon appassionato seguiva Aveva ancora tanta vita dinanzi a se ma quel tragico sulla  sulla Strada Statale 585 Fondovalle del Noce, nel tratto di strada tra la frazione di Castrocucco di Maratea e il bivio Parrutta, nel comune di Trecchina, in provincia di Potenza, ha spazzato via tutte le sue speranze e i suoi sogni. Lui che era un tifoso del Napoli e da buon appassionato seguiva tutti i gruppi facebook legati alla sua squadra del cuore.

Leggi anche qui

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button