Cronaca

Morte Ciro Ascione, la Procura: “Non è suicidio”. Proseguono le indagini

ARZANO. La morte di Ciro Ascione, il 16enne prima considerato scomparso e poi ritrovato senza vita sui binari della stazione ferroviaria di Casoria, ha destato sgomento e rabbia in familiari e conoscenti. Le indagini sull’accaduto stanno andando avanti. Al momento, come riportato dall’Ansa, le due ipotesi maggiormente considerate dagli inquirenti conducono a due strade dalle molteplici sfumature: incidente o omicidio? Ora, restano da accertarne le cause. Bisogna innanzitutto appurare se la morte del giovane sia dovuta ad un’aggressione o al malfunzionamento del sistema di sicurezza delle porte o, appunto, omicidio.

Le indagini

Non si tratterebbe quindi di suicidio. I primi particolari importanti per lo sviluppo delle indagini erano già emersi nel corso dell’interrogatorio alla fidanzata di Ciro e con la quale il ragazzo aveva trascorso le sue ultime ore prima di recarsi in stazione. Intanto, dal primo esame sul cadavere del 16enne si notano ferite e contusioni compatibili con una caduta dal treno. Le indagini riguardano anche una telefonata anonima che nei giorni scorsi avrebbe annunciato la morte del ragazzo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button