Cultura ed Eventi

Prorogata la mostra su Calatrava al Museo e Real Bosco di Capodimonte

Fino al 25 luglio 2021 si potrà godere delle opere di Santiago Calatrava al museo campano

Le misure anti-covid hanno fatto chiudere i musei di tutta Italia per un bel po’, così, in tutta Italia, sono state posticipate tutte le esposizioni possibili. Quella su Santiago Calatrava, al Museo Real Bosco di Capodimonte è fra queste.

Inaugurata il 6 dicembre 2019, l’esposizione è composta da 400 opere, tra sculture, disegni e maquette, che sono state create da questo artista poliedrico in 40 anni di carriera come: disegnatore, ingegnere, pittore, scultore e architetto.

I lavori di Calatrava

Le sue opere architettoniche si distinguono per le loro forme strutturali zoomorfe e per il caratteristico impiego della luce. I suoi edifici sono creati a partire da un immaginario non strettamente ingegneristico e architettonico in senso stretto, tecnico, ma sono ispirati alla natura, e si innervano in maniera creativa dando vita a strutture che appaiono come sculture zoomorfe, quasi sempre bianche.

Tra le sue strutture più celebri ricordiamo la Stazione del TGV Lyon-Satolas di Lione, costruita a partire dal 1989, o quella di Lisbona, la Stazione Oriente, del 1993. Ma la stazione americana al World Trade Center di New York, denominata Oculus, è fra le più conosciute. Fra i ponti, il celeberrimo quarto ponte del Canal Grande di Venezia iniziato nel 1997; o il Ponte Bach de Roda di Barcellona del lontano 1984.

I ponti collegano posti precedentemente separati. Sono costruiti per il progresso e per i cittadini. – aveva affermato Calatrava – Ma hanno anche un significato religioso. La parola ‘religioso’ infatti deriva dal latino e significa creare un legame”.

Le ceramiche

Nell’esposizione sono presenti 50 ceramiche di porcellana con la sua grafia. Calatrava apprezza questo tipo di opere per il valore simbolico, legato alla diplomazia settecentesca.

Sul sito www.eldulcehogar.es viene dichiarato che: “Si ritrovano nei meandri di internet anche sedie di design realizzate da Calatrava, mai esposte nelle mostre. L’artista infatti ha una grande attenzione per l’arredamento e l’interior design. Una casa nella concezione dell’ingegnere e architetto spagnolo non è un solo un luogo in cui cucinare al microonde la propria cena, o accendersi il condizionatore e dormire, ma è un luogo di arte e cultura, in cui ogni centimetro è progettato secondo un gusto artistico superiore”.

Le pitture

Dipinti a pastello, carboncini, nella mostra si ritrovano i primi lavori dell’opera dell’archistar spagnolo. Erano infatti il primo mezzo espressivo.

“Non ho mai smesso di dipingere – afferma Calatrava – per me è importante lavorare sulla pittura, sulla scultura e sulla ceramica, non solo come discipline indipendenti ma come nutrimento incessante per la mia architettura”.

Prezzi e orari

La mostra è visitabile dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17.30, ed un costo di 10 euro, con riduzioni per visitatori tra 18 e 25 anni, convenzionati San Carlo e titolari Carta Freccia. Ma gratuito fino ai 18 anni per tutti, e anche oltre il limite d’età, per i titolari Campania Artecard.

Articoli correlati

Back to top button