Cronaca

Movida, pioggia di sequestri in discoteca tra Vomero e Posillipo

NAPOLI. Durante la notte tra sabato e domenica, gli agenti della U.O. Vomero, coordinati dal Capitano G. Frattini, in via San Sebastiano hanno posto in sequestro penale un locale in quanto non rispettava i limiti imposti nel certificato di agibilità per i trattenimenti danzanti.​
Nello specifico gli agenti hanno sospeso la serata e hanno fatto defluire gli avventori all’esterno.
All’interno del locale erano presenti ben 320 clienti, 170 in più rispetto a quanto previsto dal certificato di agibilità. Per il titolare è stata inviata comunicazione all’Autorità Giudiziaria – per la violazione dell’art 681 c.p. (Apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o trattenimento) di concerto con l’art.80 TULPS (Competenza al rilascio di licenza di agibilità). Inoltre il titolare è stato sanzionato amministrativamente per il mancato rispetto del nulla osta impatto acustico in quanto diffondeva musica con le porte aperte.

I sequestri a Posillipo e Chiaia

Gli Agenti dell’Unità Operativa Chiaia hanno effettuato controlli nei locali notturni della zona di Chiaia e Posillipo. Nelle ore serali e notturne sono stati controllati 6 locali dove erano in corso serate di intrattenimento musicale e danzante.
In via Martucci è stato sottoposto a sequestro un locale dove da un’ispezione notturna si è riscontrata la presenza di 245 persone a fronte delle 112 consentite come capienza massima dalla licenza di agibilità mentre si svolgeva intrattenimento danzante con dee-jay e strumentazione professionale.
Il titolare, risultato recidivo perché già denunciato dagli uomini di Chiaia nel mese di novembre in analoga circostanza, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria.
La serata è stata sospesa ed i giovani sono stati invitati a lasciare il locale al fine di apporre i sigilli.

Sul solarium di un locale della spiaggia di Posillipo era in corso una serata danzante con 348 persone ed il titolare dell’attività non è risultato in possesso della necessaria licenza di agibilità. A carico dello stesso è stata prodotta denuncia all’Autorità Giudiziaria perché effettuava una serata danzante sprovvisto della licenza di agibilità e si provvedeva a verbalizzare il locale per mancanza di impatto acustico sull’area esterna del locale con una sanzione di € 1000, in quanto da verifica della documentazione è emerso che l’impatto acustico era riferito unicamente all’area chiusa del locale.

Ancora un locale in piazza Amedeo è stato sottoposto a controllo accertando che diffondeva musica sprovvisto dell’autorizzazione di impatto acustico e somministrava in aree esterne e, quindi, in luoghi diversi da quelli indicati nell’autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande.​ Nella vicina via Crispi, a seguito di esposto, lo stesso personale ha provveduto a controllare un locale molto frequentato in questo periodo dell’anno, dove vi è intrattenimento musicale ed a sanzionare lo stesso perché, all’esterno del locale, in una sorta di area di attesa per i clienti, occupava suolo pubblico in modo difforme dalle prescrizioni del titolo autorizzativo per la presenza di teli verticali in pvc.

Sempre in tale ambito la Polizia Locale ha concentrato la propria attività nel centro storico della città effettuando prevenzione sul consumo dell’alcool e delle droghe da parte dei minori. L’azione ha permesso di controllare circa trenta giovani che frequentavano i luoghi dove si svolge l’attività di ritrovo del centro storico.
Durante i controlli sono stati trovati a consumare alcolici e superalcolici cinque minori degli anni sedici, due in piazza Bellini due in piazza del Gesù ed uno in piazza San Domenico. I giovani sono stati affidati ai genitori, dopo averli contattati e fatti giungere sul posto. Gli stessi sono stati informati dei motivi che avevano indotto gli agenti a contattarli per cui sono stati invitati ad avere una maggiore tutela e cura dei minori loro affidati.
Nel recuperare i ragazzi, i genitori hanno apprezzato il lavoro di prevenzione svolto dalla sezione minori della Polizia Locale di Napoli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button