Cronaca

Napoli, 1 maggio: il messaggio ai lavoratori che ricorda quello all’ingresso del lager di Auschwitz

Clamorosa gaffe del Comune di Napoli, che nel messaggio di auguri per il 1 maggio, festa dei lavoratori, ha ripreso la tristemente famosa insegna che accoglieva i deportati del campo di concentramento di Auschwitz.

Napoli, 1 maggio: il messaggio simile a quello di Auschwitz

Un poster per onorare i lavoratori, ma il messaggio non era dei più incoraggianti: “Solo il lavoro rende liberi”, infatti, ricorda in maniera quasi imbarazzante la scritta dell’entrata del lager di Auschwitz.

Una svista

Una volta notato l’errore, la scritta è stata corretta con un più adatto “Solo il lavoro rende la dignità”, ma ormai il danno era fatto. La “svista”, secondo l’assessore Buonanno, è stata causata dal superlavoro di questi giorni, ma ormai il danno era fatto, e la voce della Comunità Ebraica non ha tardato a farsi sentire.

L’indignazione della Comunità Ebraica

Secondo il Presidente Schapirer continua “La Comunità Ebraica, da sempre impegnata nel dialogo interrreligioso e interculturale nel rispetto delle specificità di ciascuno, ritiene questa scelta offensiva per la memoria delle vittime della Shoah e per gli Ebrei. Consideriamo l’episodio un esempio pericoloso di come la conoscenza diretta di quel che è stato abbia sempre meno spazio presso certe amministrazioni, evidentemente più avvezze alla banalizzazione degli eventi storici che alla corretta percezione del loro corretto significato”.

 

Articoli correlati

Back to top button