Cronaca

Napoli, 10 ore in ambulanza prima di essere ricoverato: il calvario di malato Covid

Attende 10 ore in ambulanza prima di essere ricoverato in ospedale: il calvario di Luigi Musmanno, napoletano positivo al Covid

Attende 10 ore in ambulanza prima di essere ricoverato in ospedale: il calvario di Luigi Musmanno, napoletano sopravvissuto a due tumori e ammalato di Covid.

Il calvario di un malato Covid: 10 ore prima del ricovero

Il 72enne ha atteso fuori al pronto soccorso dell’ospedale del Mare dalle 5 del mattino fino al pomeriggio mentre le condizioni cliniche peggioravano. A raccontare l’episodio è il figlio del paziente: «La notte tra mercoledì e giovedì, mio padre si è aggravato, i valori della saturazione erano preoccupanti e abbiamo chiamato il 118».

L’ambulanza è arrivata alle 5 del mattino davanti l’ingresso dell’ospedale del Mare dove avevano comunicato che c’era disponibilità di un posto in Sub Intensiva, al Covid Center. Una volta arrivati, il 72enne è risultato positivo al test per il Covid e così ha avuto inizio l’interminabile attesa.

«Il personale dell’ospedale ci ha detto che non c’erano posti e mio padre aveva bisogno di un ricovero in Sub Intensiva, al punto che è stato assistito in ambulanza dal personale del 118 che gli ha somministrato l’ossigeno fino a consumarlo», racconta il figlio.

Dopo quasi 10 ore in ambulanza, intorno alle 15 l’uomo è stato trasferito al Covid Hospital del Loreto Mare.

Fonte: Il Mattino

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto