Cronaca

Napoli, “obiettore di coscienza” del vaccino scrive a De Luca “Così non va, non va proprio”

La decisione di Nicola Campanile, 62 anni, funzionario pubblico e presidente della rete politica "PER le Persone e la Comunità"

Napoli, 62enne rinuncia al vaccino per non scavalcare i più fragili: la decisione di Nicola Campanile, 62 anni, funzionario pubblico e presidente della rete politica “PER le Persone e la Comunità”. Campanile ha raccontato quanto accaduto su facebook, e si è definito “obiettore di coscienza” in una aperta inviata al governatore De Luca e al direttore dell’Asl Napoli 3 Sud.

Napoli, 62enne rinuncia al vaccino: la scelta di Nicola Campanile

Obiezione di coscienza per “non passare davanti agli altri”, ed essere vaccinato “un minuto dopo le persone che mi precedono per classe di età e per condizioni di fragilità”. Nicola Campanile, 62 anni (quindi da oggi in Campania appartenente alla fascia di età che può avere accesso alla piattaforma vaccinale), scrive al governatore Vincenzo De Luca e al dg della Asl NA3 Sud, Gennaro Sosto, per dire che non vuole fare il ‘furbetto’ a danno degli altri.

Qualcosa non va

“Sì, perchè mi sono iscritto oggi – spiega al’ANSA Campanile che a novembre ha avuto il Covid – e incredibilmente sono stato già convocato per giovedì prossimo. Un tempismo inaspettato ma che mi mette di fronte ad una scelta, in un bivio etico: scavalcare la fila con l’avallo delle istituzioni o dire pubblicamente che così non va. Scelgo la seconda strada. Così non va, non va proprio”.

Convocazione rapidissima

Nicola Campanile scrive: “Stamattina ho dato la mia adesione per la vaccinazione. Con mia grande sorpresa, pochi minuti dopo mi è giunta una convocazione per le ore 12 del 15 aprile. Un segno di efficienza? Sarebbe bello dare questa lettura. Ma peccherei di ingenuità. Con il 62% di over 70 che non hanno ricevuto nemmeno la prima dose, e la vaccinazione completa degli 80enni e dei “fragili” ancora non raggiunta, come è possibile che io sia stato convocato tra 5 giorni? C’è una logica, presidente De Luca? C’è una spiegazione, ing. Sosto? C’è una ratio dietro questa convocazione?”.

Un sistema privo di criteri

Campanile continua con le domande: “C’è una ratio dietro la convocazione di mia suocera il giorno successivo alla sua morte per Covid, appena la settimana scorsa? Pensate, per uno strano scherzo del destino, in quel triste giorno furono convocati sia la mia defunta suocera sia mio figlio dottorando di ricerca di 26 anni, poi “sconvocato” dopo le nuove direttive nazionali. In assenza di una vostra risposta che mi motivi in modo convincente questa repentina convocazione, vi annuncio la mia “obiezione di coscienza”.

Emanuela Dente

Personalità eccentrica e geniale, e giornalista attenta e scrupolosa. La sua innata curiosità le consente di vivere ogni esperienza in pieno, acquisendo conoscenze e capacità molto rapidamente. La sua vita è una grande avventura. La sua passione è un dono immenso

Articoli correlati

Back to top button