Cronaca

Napoli, non si fermano all’alt poi impattano contro la moto di un carabiniere

Non si sono fermati all'alt dei carabinieri, ne è seguito un impatto frontale e poi l'arresto e la denuncia: è successo ieri a Napoli

Non si sono fermati all’alt dei carabinieri, ne è seguito un impatto frontale e poi l’arresto e la denuncia. È accaduto, intorno alle 23, a Chiaia a Napoli. I carabinieri motociclisti del Nucleo radiomobile di Napoli stavano percorrendo viale Dhorn quando hanno notato due giovani a bordo di uno scooter con targa estera. Gli hanno intimato l’alt ma il mezzo non si è fermato ed è partito l’inseguimento che è durato diversi chilometri.

Non si fermano all’alt, due giovani nei guai a Napoli

Arrivati a Fuorigrotta con i due centauri che non volevano fermarsi, altre moto dell’Arma sono intervenute e hanno raggiunto i colleghi percorrendo il senso di marcia opposto. Lo scooter sospetto è stato braccato e, in viale Augusto, la fine della corsa, con un impatto frontale. Lo scooter ha sbattuto contro la moto del carabiniere che è caduto ma ha permesso agli altri colleghi di bloccare i giovani fuggitivi.

Dagli accertamenti è poi emerso che il mezzo aveva il motore con il telaio abraso. Per il conducente – un 18enne incensurato di San Giorgio a Cremano – l’arresto. Il giovane dovrà rispondere di resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione. Il passeggero invece ha appena compiuto 16 anni, anche lui è di San Giorgio e anche lui è incensurato. I carabinieri lo hanno denunciato a piede libero per resistenza. Il 125 cc è stato sequestrato mentre il carabiniere protagonista dell’impatto fortunatamente sta bene e non ha voluto ricorrere alle cure mediche.

Articoli correlati

Back to top button