Cronaca

Alleanza di Secondigliano, avvocato indagato per camorra

L’avvocato Raffaele Chiummariello, difensore storico del boss della camorra Patrizio Bosti, è indagato per camorra. Chiummariello è accusato di aver trasferito al clan notizie riservate, apprese durante i colloqui con lo stesso Patrizio Bosti.

Avvocato Chiummariello indagato per camorra

A distanza di 48 ore dalla notizia della avvenuta perquisizione dell’avvocato Raffaele Chiummariello, difensore storico del boss della camorra Patrizio Bosti, arriva un comunicato stampa firmato dal Consiglio dell’Ordine degli avvocati e dalla camera penale di Napoli, per stigmatizzare «la modalità di rappresentazione della notizia e la (negativa) enfasi mediatica che ne è conseguita». Una presa di posizione che punta anche a denunciare «il fenomeno della sovrapposizione tra l’esercizio della funzione difensiva e la posizione (con le presunte responsabilità) dell’assistito». Ma andiamo con ordine, a ripercorrere un caso emerso dall’ultima maxiretata messa a segno dalla Procura di Napoli, con i 126 ordini di cattura (al momento resta latitante Maria Licciardi) a carico di presunti esponenti dell’Alleanza di Secondigliano.

Tra i nomi degli indagati figura anche quello di Raffaele Chiummariello, conosciuto penalista napoletano, che oltre a difendere il boss Patrizio Bosti (ma anche il figlio Ettore), in passato ha anche difeso boss del calibro di Giuseppe Misso (ottenendone l’assoluzione per il delitto di una donna, assieme al collega Antonio Briganti): per Chiummariello il gip Roberto D’Auria ha rigettato la richiesta di arresto avanzata dalla Procura e sono stati gli stessi pm napoletani a rinunciare ad avanzare motivi di appello.

Le accuse

In sintesi, il penalista viene accusato di aver trasferito al clan notizie riservate, apprese durante i colloqui con lo stesso Patrizio Bosti.

Articoli correlati

Back to top button