Cronaca

Bimbo lanciato dal balcone, processo sprint per il domestico: “Ha sfruttato l’assenza della mamma”

Bimbo lanciato dal balcone a Napoli, giudizio e processo immediato per il domestico Mariano Cannio: " è capace di intendere e di volere"

Il domestico che ha ucciso il piccolo Samuele, il bimbo di 4 anni lanciato dal balcone di casa, è capace di intendere e per questo motivo può partecipare al processo. Giudizio immediato nei confronti di Mariano Cannio, il collaboratore domestico di 38 anni accusato della morte del piccolo Samuele. Il bimbo di 4 anni fu lasciato cadere nel vuoto, lo scorso 17 settembre, a Napoli dal balcone della casa dove abitava con i genitori.

Bimbo lanciato dal balcone, processo per il domestico

È la decisione del giudice per le indagini preliminari di Napoli, Valentina Gallo, che ha accolto la richiesta della Procura – sostituti procuratori Vincenza Marra e Barbara Aprea – del 28 febbraio sulla base dell’incidente probatorio disposto per accertare lo stato di salute mentale dell’indagato. Il processo prenderà il via il 4 maggio, davanti alla terza sezione della Corte di Assise di Napoli.

Le perizie

Le perizie psichiatriche hanno accertato che Cannio è capace di intendere e di volere. Il 38enne deve rispondere di omicidio aggravato in quanto commesso in maniera tale da ostacolare la privata difesa – la mamma di Samuele era in casa ma in bagno per un malore – e in relazione al fatto che la vittima è un minore di 18 anni.

 

Articoli correlati

Back to top button