Cronaca

Polmone verde trasformato in discarica, bonifica record dopo sequestro a Napoli

È stata bonificata in tempi record la discarica che il reparto operativo aeronavale della Guardia di Finanza ha scoperto in un’area verde nel Comune di Napoli. A coordinare le operazioni, scattate nell’ambito della cosiddetta “Cabina di Regia” per la “terra dei fuochi” sono stati il sostituto procuratore Domenico Musto, in forza alla V Sezione Ambiente della Procura partenopea, coordinata dal procuratore Aggiunto Antonio Ricci.

Napoli, bonificata discarica a cielo aperto in un’area verde

Le ricognizioni degli elicotteri della Sezione Aerea dei finanzieri hanno consentito di individuare un’area di circa 4mila metri quadri all’interno del parco pubblico “Fratelli De Filippo di Ponticelli”, unico polmone verde di una zona ad altissima densità abitativa, utilizzata per il deposito di rifiuti.

Tra i materiali sversati e successivamente sequestrati c’erano ingenti quantitativi di inerti provenienti da manutenzioni stradali ed edilizie che venivano poi riutilizzati nelle stesse; trovati anche sfalci di potatura, imballaggi misti di natura plastica e diversi cassoni contenenti rifiuti speciali della stessa natura, prodotti dalle attività manutentive del Comune di Napoli.

La scoperta

Il percolato inoltre confluiva direttamente sul terreno, senza alcuna protezione della matrice suolo e senza regimentazione delle acque piovane. L’attività coordinata dall’ufficio inquirente di Napoli, diretta dal procuratore Nicola Gratteri, è iniziata nell’ultima decade del mese di ottobre 2023 e, spiega una nota, non si è limitata alla certificazione delle violazioni e ai conseguenti sequestri e sanzioni, ma ha consentito la totale rimozione e il ripristino dello stato dei luoghi terminato il lo scorso 27 maggio, con la riconsegna dell’area al Comune di Napoli.

Redazione L'Occhio di Napoli

Redazione L'Occhio di Napoli: comunicati stampa, notizie flash, contributi esterni del giornale

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio