Cronaca

Napoli, carne di dubbia provenienza venduta nei passeggini

Continua senza sosta la macellazione e il trasporto di carni di dubbia provenienza nel quartiere Vasto di Napoli. In alcuni scatti, si possono notare diversi extracomunitari  africani trasportare grossi pezzi di carne in cassette di plastica per poi stoccare la carne in sacconi di plastica nera – di quelli abitualmente utilizzati per la spazzatura – per destinazioni ignote.

Carne di dubbia provenienza

Gli africani che vivono al Vasto sembrano aver sposato appieno la plurisecolare arte di arrangiarsi dei napoletani. Così, sono nate alcune attività mobili che rivendono cibi cotti – o in qualche caso li cuociono direttamente in strada – agli extracomunitari che per pochi euro possono acquistare un pasto completo a base di riso, pollo, pomodoro e altre tipologie di carni non meglio identificate. Emblematico il caso di via Bologna, dove si segnala la presenza di alcune carrozzine che rivendono cibo da asporto e che fanno costantemente il giro delle zone dove abitualmente si accalcano gli africani.

La situazione sembra essere totalmente sfuggita di mano sia all’Asl che ai Vigili Urbani che, pur presidiando costantemente il territorio, non riescono a far fronte all’emergenza. Pochi giorni fa è scoppiata una furiosa lite tra alcuni residenti e un venditore di cibo d’asporto che armato di un passeggino-braceria, girava il quartiere con una grossa bombola di gas – usata per alimentare la piastra su cui veniva cotta la carne – al seguito. Una situazione a dir poco inimmaginabile anche in relazione al costante pericolo a cui sono sottoposti tutti gli abitanti del Vasto alle prese con una potenziale bomba che gira praticamente indisturbata.

 

Articoli correlati

Back to top button