Napoli: genitori e insegnanti scendono in piazza Dante per la riapertura della scuola, disordini in piazza Spirito Santo

manifestazione riapertura scuola

Nella giornata di oggi sono scesi in piazza Dante insegnanti, studenti, genitori per chiedere l'apertura delle scuole in presenza dal 16 settembre

Nella giornata di oggi, 23 maggio, sono scesi in piazza Dante a Napoli insegnanti, studenti, genitori, educatrici per chiedere l’apertura delle scuole in presenza e in continuità dal 16 settembre. In contemporanea si sono organizzate altre manifestazioni nelle principali città italiane.

Disordini alle manifestazioni a Piazza Santo Spirito a Napoli

L’istruzione è un diritto fondamentale sancito dalla Costituzione italiana, la scuola deve riaprire in sicurezza dando priorità alla didattica in presenza – sottolinea il comitato – A settembre, a ben sei mesi dalla chiusura, non si potrà più parlare di emergenza. La ‘didattica a distanza’ è la didattica dell’emergenza, non è possibile proporla come soluzione per il nuovo anno scolastico 20/21“.

Una serie di disordini, invece, tra Forze dell’Ordine e manifestanti di Centri sociali e disoccupati sono avvenuti poco prima delle 16.30 a Napoli, durante una manifestazione indetta dal Centro socialeIskra“, dal “Movimento Disoccupati 7 Novembre” e dal “SI-Cobas“. Disordini all’altezza di piazza Spirito Santo.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

TAG