Cronaca

Mascherina e alcolici solo al tavolo. Tornano i controlli nelle vie dei bar

Vertice in prefettura: potenziamento dei servizi nelle strade del by night: da Chiaia al Centro Storico, in via Aniello Falcone e a Bagnoli

Si parte da questa sera con il potenziamento dei controlli, a Napoli partendo dalla mascherina. Tecnicamente un nuovo piano «antimovida» in vista del ritorno degli assembramenti nelle aree del by night cittadino sarà messo a punto nei prossimo giorni per Chiaia, il Centro Storico, via Aniello Falcone e Bagnoli.
Ieri si è svolta in Prefettura una riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica con la partecipazione dei vertici delle Forze dell’ordine, del vicesindaco e del Comandante della Polizia locale del Comune di Napoli. Nel corso dell’incontro, presieduto dal Prefetto Marco Valentini, la questione è stata sollevata partendo dalla conferma dei dispositivi anticovid legati alla movida.

A Napoli i controlli partono dalla mascherina

Il presidente della Regione Vincenzo De Luca due giorni fa ha confermato il divieto di consumo, dalle 22 alle 6 del mattino, degli alcolici da asporto. In pratica si può bere un cocktail o una birra solo seduti al tavolino di un locale — all’interno o all’esterno — e le mascherine dovranno essere sempre indossate anche all’aperto in presenza di assembramenti.

Le decisioni

In Prefettura si è deciso dunque che saranno disposti ulteriori servizi, con finalità anti assembramento e di controllo, che saranno concentrati in alcune aree caratterizzate dalla presenza di locali e esercizi pubblici molto frequentati, specialmente dopo il tramonto. “Ma la sfida per questo autunno è arrivare oltre.

É chiaro che tutte le piazze e le strade non possono essere controllate – avverte il comandante della polizia municipale, Ciro Esposito -e noi abbiamo obiettivi individuati in Questura in base alle disposizioni della Prefettura. Ma bisogna aumentare la presenza delle forze dell’ordine in altri luoghi, e spostandoci da un obiettivo ad un altro. Le risorse sono quelle che sono, ma bisogna essere flessibili e pronti a cogliere le esigenze del territorio”.

I servizi

I servizi, per ora concentrati nelle zone più sensibili e critiche, saranno decisi nel tavolo tecnico già convocata in Questura. Fino ad allora si andrà avanti con lo schema già adottato prima di agosto: controlli fissi e pattugliamenti nelle zone a rischio. Multe ai titolari dei locali che non rispettano le regole e ai ragazzi che rifiutano di indossare la mascherina o comunque fanno capannello creando assembramenti.

Resta in sospeso la questione relativa ai permessi per l’occupazione suolo, a costo zero e con l’unico vincolo legato alle norme del Codice della strada,  di cui tantissimi titolari di pubblici esercizi stanno usufruendo. Raddoppiando di fatto la capienza dei propri locali e accogliendo anche clienti che non amano restarsene al chiuso o non hanno il Green pass. Si aspettano regole certe anche per consentire a chi ha pratiche in sospeso di realizzare veri dehors per affrontare la stagione invernale.

Articoli correlati

Back to top button