Cronaca

Napoli, almeno 15 i feriti per i botti di Capodanno

Peggiora, rispetto allo scorso anno, il bilancio dei feriti per i botti di Capodanno a Napoli. Quest’anno, dopo i festeggiamenti di San Silvestro, sono almeno 15 i feriti a Napoli, di cui cinque minori. In particolar modo, solo nel capoluogo, si contano 12 feriti, di questi tre sono minorenni.

Napoli, il bilancio dei feriti per i botti di Capodanno

Uno dei primo ad arrivare al pronto soccorso del vecchio ospedale Pellegrini è stato un uomo. Aveva una mano ferita dopo aver raccolto un petardo in strada: ha perso una falange. Sempre al Pellegrini, è stato medicato un altro uomo: sarebbe rimasto ferito alla gamba dopo che un passante in via Partenope lo ha colpito con un petardo lanciato per terra.

All’ospedale San Paolo un 50enne è stato soccorso dal personale medico. Sarebbe stato colpito al volto da un petardo mentre era affacciato al balcone. Ha riportato una contusione con ustione con una prognosi di sette giorni.

Auto in fiamme

Alle 20 circa di sabato 31 dicembre, nel quartiere Stella quando i carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli intervengono sono intervenuti a via Giacomo Profumo 12 per un incendio. Per cause ancora in corso di accertamento le fiamme distruggevano una Renault Clio lì parcheggiata. Fiamme domate dai vigili del fuoco. Indagini in corso da parte dei carabinieri.


napoli-quanti-feriti-botti-capodanno-2023
L’auto incendiata

Non solo Napoli

Feriti anche in altre parti d’Italia: a Vercelli una ragazza di 34 anni si è gravemente ferita a una mano a causa dello scoppio di un petardo poco dopo mezzanotte. Ha perso un dito e ha riportato altre ferite. A Milano un ragazzo di 21 anni è stato colpito da un botto in piazza Duomo e ora rischia di perdere runa falange. Sempre nel Milanese, a Cinisello Balsamo, un 46enne è arrivato in ospedale con lesioni a occhi, viso e mani.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali. È responsabile della redazione centrale del network giornalistico L'Occhio.

Articoli correlati

Back to top button