Cronaca

Colpo grosso dei clan: “Rubarono il petrolio da una nave nel porto”

Napoli, rubato un carico di petrolio al porto: il racconto del colpo perpetrato dagli esponenti apicali delle cosche Silenzio e Formicola

Un maxi carico di petrolio rubato al porto di Napoli. Un furto avvenuto circa quattro anni fa, perpetrato dagli esponenti apicali delle cosche Silenzio e Formicola di San Giovanni a Teduccio, all’epoca ancora unite da una solida alleanza.

Napoli, rubato un carico di petrolio al porto: l’episodio

L’accaduto – come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino – è stato ricostruito da Antonio Costabile, ex narcos al servizio dei clan della periferia orientale e, da qualche mese, tra i loro principali accusatori. Tra le sue dichiarazioni, che hanno messo all’angolo i boss del cosiddetto Bronx’, c’è anche il racconto del clamoroso furto avvenuto nel porto di Napoli.

Il racconto

“È successo circa quattro anni fa – ha raccontato Costabile – si presentarono con carte false il giorno prima dello scarico e si presero la benzina. Da allora si sono arricchiti. Si presentarono Assunta Formicola che all’epoca era fidanzata con Raffaele De Falco, che tratta anche lui gasolio, Formicola Pasquale, con il cognato Carmine De Palma, Giuseppe Savino, per conto di Francesco Silenzio, Marigliano Antonio e Giuseppe Milo… presero il gasolio e lo rivendettero a prezzi bassissimi”.

Articoli correlati

Back to top button