Cronaca

Napoli, la Polizia Municipale sequestra oltre tre tonnellate di buste per la spesa illegali

Napoli, maxi sequestro di buste per la spesa illegali. caschi bianchi hanno bloccato il furgone in via Gianturco

Maxi sequestro di buste per la spesa illegali Napoli. Nell’ambito delle attività di monitoraggio e repressione mirate a contrastare il fenomeno dell’immissione nell’ambiente di buste di plastica non conformi alla normativa vigente, gli agenti della Polizia Municipale, appartenenti al reparto specialistico di Tutela Ambientale, hanno intercettato un corriere che, dopo aver caricato un ingente numero di colli presso un grossista presente nella zona orientale della città, si accingeva a consegnare la merce all’interno del mercato Caramanico di Poggioreale.

Napoli, maxi sequestro di buste per la spesa illegali

I caschi bianchi hanno bloccato il furgone in via Gianturco verificando che al suo interno erano trasportate 205 scatole contenenti shopper di plastica che, nonostante riportassero le indicazioni di conformità alla vigente normativa europea, risultavano essere contraffatte.

La merce oltre tre tonnellate è stata sequestrata ai responsabili è stata contestata la violazione del Testo Unico dell’Ambiente che prevede una sanzione che va da 5mila euro fino ad arrivare, nei casi come questo, in cui la quantità di plastica commercializzata è ingente, a euro 25mila. L’importo preciso sarà determinato dall’ente competente in materia che, nel caso specifico, è la Città Metropolitana.

I controlli

Le attività svolte dagli agenti del reparto si inseriscono in un piano di controlli diffusi a livello nazionale, coordinati con il Comune di Napoli in base a un protocollo operativo siglato con la Commissione parlamentare sugli Eco reati che sul tema degli shopper mira a prevenire e reprimere la loro produzione e diffusione, puntando specialmente nel circuito mercatale e della grande distribuzione.

In supporto alle attività di Polizia Amministrativa e Giudiziaria condotta dal Reparto di Tutela Ambientale della Polizia Locale di Napoli, vi sono i tecnici del consorzio Assobioplastiche e BiorePak che nel settore svolgono funzioni d’informazione ma anche di monitoraggio sui fenomeni illeciti e di supporto per le polizie giudiziarie impiegare sul tema.

Articoli correlati

Back to top button