Cronaca

Maxi sequestro di olio extravergine a Napoli: era comunissimo olio di semi

Napoli, maxi sequestro d'oliva: era destinato al mercato rionale Ferrovia. Il lotto in questione era stato già precedentemente attenzionato

Sequestro di olio d’oliva Napoli. In azione gli agenti della Polizia Municipale, appartenente all’Unità Operativa di Tutela Ambientale che, congiuntamente con personale dell’Ispettorato della Repressione Frodi del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, hanno effettuato un sequestro di olio extravergine di oliva 100% italiano di un noto marchio nazionale.

Il lotto in questione era stato già precedentemente attenzionato dal Reparto Antifrode del Ministero a seguito di segnalazione e quindi sottoposto previa campionatura ad analisi presso i laboratori dell’ ICQRF area Nordest di Susegana in provincia di Treviso.

Napoli, maxi sequestro d’oliva extravergine

Dalle analisi effettuate si è scoperto che non si trattava di olio extravergine ma comunissimo olio di semi. Il sequestro effettuato oggi, mercoledì 1 dicembre, a Napoli si va ad inserire in un più ampio procedimento per il quale sono in corso ulteriori attività infoinvestigative. Gli Agenti della Municipale congiuntamente con il personale dell’ICQRF hanno scoperto che, le bottiglie del finto olio extravergine, venivano vendute nel mercato rionale della Ferrovia cosiddetto “sopra le mura” da D. M.M. residente ad Acerra.


napoli-sequestro-olio-1-dicembre-acerra


Il sequestro

Tutte le bottiglie venivano sequestrate ed il D.M.M. veniva denunciato all’Autorità Giudiziaria per frode in commercio articoli 515 (frode nell’esercizio del commercio) e 516 (vendita di sostanze non genuine come se fossero genuine) del codice penale.

Articoli correlati

Back to top button