Cronaca

Sequestro della pizzeria ‘Dal Presidente’ a Napoli, parla il pentito: “Killer trattati da manager, stipendi da seimila euro”

“Killer di fiducia trattati da manager, prendevano seimila euro al mese”: è quanto rivela il collaboratore di giustizia Alfredo De Feo dopo il sequestro della pizzeria ‘Dal Presidente’ a Napoli. Lo riporta l’odierna edizione del Mattino.

Sequestro della pizzeria Dal Presidente a Napoli, le dichiarazioni del pentito

Seimila euro al mese ai killer di fiducia del clan Contini: insomma stipenti da top manager per chi preme il grilletto. Un clan tornato al centro dell’attenzione dei media per il sequestro della nota pizzeria Dal Presidente, in zona Tribunali, da parte della Guardia di Finanza. Dalle indagini spuntano anche le parole dei collaboratori di giustizia che hanno consentito all’arresco di numerose persone. In paritolare, il pentito Alfredo De Feo punta lindice contro il presunto killer di un ragazzo di 17 anni, Ciro Fontanarosa: “So che è stato lui ad uccidere quel 17enne e in quanto killer non fa estorsioni, ma percepisce uno stipendio da cinque o semila euro al mese”.

Alessia Benincasa

Alessia Benincasa, giornalista del network L'Occhio, è esperta in cronaca nera, politica e inchieste.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio