Cronaca

Droga, una partita venduta tra i letti di ospedale: “A te costa 35”

Spaccio di droga nella casa di cura in provincia di Napoli: il caso | Una circostanza ipotizzata dagli inquirenti

Spaccio di droga in una casa di cura della provincia di Napoli. È quanto emerge dalle indagini dei carabinieri di Nola e dalla Dda partenopea che nelle scorse ore hanno eseguito dieci provvedimenti cautelari tra Benevento, Napoli e Salerno, sgominando la banda di pusher, ritenuta legata al clan Fabbrocino come riportato dal Corriere del Mezzogiorno.

Napoli, spaccio di droga nella casa di cura: il caso

Una circostanza ipotizzata dagli inquirenti sulla base di alcune intercettazioni annesse all’ordinanza con la quale il gip di Napoli Gianluigi Visco ha disposto le misure cautelari. I militari intercettano alle 23 circa del primo febbraio 2016 alcune conversazioni che vedono protagonista Angelo Maffettone, per il quale il giudice ha disposto il carcere.

La telefonata

“Mo è 35, ma regolare fosse 40, però a te 35!” si sente nella telefonata tra Maffettone ed il suo interlocutore. I due si accordano e una terza persona viene incaricata di recuperare la sostanza stupefacente nella casa di cura. In un’altra telefonata, che risale al 19 febbraio 2016, Maffettone tenta di chiamare il figlio.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio