Economia

Tassa sui rifiuti, 20mila utenze cancellate dall’anagrafe

Tassa sui rifiuti nel caos a Napoli: 20mila utenze – tra defunti, furbetti e gente con il cambio di residenza – sono state cancellate dall’anagrafe delle Tari in quanto sconosciuti facendo crollare la platea di contribuenti ed aumentando la tassa del 20%. Insomma, in arrivo un’altra stangata economica. Lo riporta l’odierna edizione del Mattino.

Napoli, tassa sui rifiuti nel caos: 20mila utenze cancellate

Cancellate le utenze ai defunti, furbetti e gente che ha cambiato residente perché sconosciuti. Così aumenta la tassa sui rifiuti del 20%. Insomma in arrivo un’altra stangata economica per i napoletani da gennaio del 2025, il 2024 infatti è coperto da un bonus del Comune alle famiglia, se in regola con i pagamenti. Gli aumenti, tra i 90 e i 300 euro a seconda della matratura, come detto inizieranno da gennaio del 2025.

Mostra di più

Alessia Benincasa

Alessia Benincasa, giornalista del network L'Occhio, è esperta in cronaca nera, politica e inchieste.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio