Cronaca

Napoli, torta di Mussolini nella sede della Municipalità IV a Gianturco: due indagati per apologia del fascismo

Una torta con il volto di Mussolini come regalo per una festa di pensionamento di un dipendente della Quarta Municipalità: due indagati

Una torta di compleanno con il volto del dittatore fascista Benito Mussolini come regalo per una festa di pensionamento di un dipendente all’interno della sede della Quarta Municipalità di Napoli. Ci sono due indagati per apologia al fascismo

Napoli, festa con torta di Mussolini: due indagati

Nel capoluogo partenopeo scoppiò la bufera dopo che le immagini vennero diffuse in rete, con poche possibilità di fraintendimenti: il volto di Benito Mussolini, dittatore fascista per quasi vent’anni ad inizio secolo scorso, in primo piano sulla torta.

Gli indagati

Sono indagati per apologia al fascismo Nunzio Vitolo, ex impiegato della quarta municipalità, quella di Gianturco, e Vincenzo Morra, consigliere in quota Fratelli d’Italia in forza al parlamentino di Gianturco.

Apologia del fascismo, un reato in disuso

L’apologia del fascismo, nell’ordinamento giuridico italiano, è un reato previsto dall’art. 4 della legge Scelba attuativa della XII disposizione transitoria e finale della Costituzione.

La legge n. 645/1952 sanziona chiunque “promuova od organizzi sotto qualsiasi forma, la costituzione di un’associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità di riorganizzazione del disciolto partito fascista, oppure chiunque pubblicamente esalti esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche”.

Fonte: Il Mattino

Articoli correlati

Back to top button