Cronaca

Andrea Covelli sequestrato e ucciso a Pianura, vietati i funerali in chiesa

Omicidio di Andra Covelli, il questore di Napoli ha vietato i funerali in chiesa per motivi di ordine pubblico. Proseguono le indagini

Sono  stati vietati i funerali in chiesa per Andrea Covelli, il ragazzo di 27 anni sequestrato e ucciso a Pianura. A deciderlo è il Questore di Napoli. Il motivo? Per questioni di ordine pubblico derivate dalle circostanze dell’omicidio, ancora non del tutto chiare ma comunque riconducibili al dinamiche di criminalità organizzata.

Omicidio di Andrea Covelli, i funerali vietati in chiesa

La data per i funerali ancora non è stata fissata e si dovranno attendere gli esiti dell’autopsia sul corpo del giovane. L’ultimo saluto si terrà, dunque, in forma privata e non in chiesa. Intanto proseguono senza sosta le indagini da parte delle forze dell’ordine per fare luce sulla vicenda. Gli inquirenti si concentrano sugli equilibri tra i clan di camorra del quartiere.

Sono in corso gli accertamenti sulla vita privata del ragazzo, che risultata frequentare dei pregiudicati legati al clan Carillo-Perfetto, sebbene non risultato coinvolgimenti in affari illeciti.  Nella zona da tempo il clan è in contrasto aperto con i Calone-Esposito-Marsicano. Da qui, l’ipotesi di una vendetta trasversale.

Cosa sappiamo sull’omicidio di Andrea Covelli a Pianura

Nel pomeriggio di venerdì 1 luglio, in un’area periferica di Pianura, è stato rinvenuto il suo cadavere. Stando a quanto si apprende, sul suo corpo sarebbero state rinvenute delle ferite da arma da fuoco. Il 27enne era senza abiti. Nudo. Forse i suoi vestiti erano non lontano dal corpo, in un terreno in zona Pignatiello. La polizia ha trovato il corpo senza vita del giovane in un terreno di via Pignatiello, nella zona della Selva, ai piedi della collina dei Camandoli.

La scoperta sarebbe arrivata dopo una “soffiata”: giovedì ai familiari sarebbe arrivata una telefonata anonima con l’indicazione di cercare nella selva. Ma chi era questo ragazzo? E perché è stato barbaramente ucciso? Sono ancora tanti i nodi da sciogliere sulla vicenda.

Chi era Andrea Covelli, il ragazzo scomparso e ucciso a Pianura

Ma chi era Andrea Covelli? Un venditore ambulante, sempre disponibile con tutti. Vendeva fuochi di artificio, non aveva precedenti penali, né risultano coinvolgimenti in fatti di rilievo penale. Pochi mesi fa, era stato picchiato. A gennaio aveva subìto un’aggressione da gente del suo quartiere, per aver camminato in una zona vietata. Check point Pianura.

I familiari sono stati convocati per riconoscere il corpo del giovane. La madre si sarebbe rifiutata e avrebbe avuto un malore. Non ha retto all’idea che quel cadavere appartenesse proprio a suoi figlio. Nel pomeriggio di giovedì amici e parenti erano scesi in strada per chiedere alle forze dell’ordine di intensificare le ricerche e a chi aveva rapito il ragazzo di lasciarlo libero. Le indagini sono affidare alla Squadra Mobile della Questura di Napoli: toccherà a loro fare luce sulla vicenda e sciogliere tutti i nodi.


scomparso andrea covelli
Andrea Covelli, il 27enne sequestrato a Pianura

 


Cos’è successo ad Andrea Covelli: la ricostruzione della vicenda

Ma cos’è successo esattamente ad Andrea Covelli? I familiari avevano perso i contatti con il 27enne intorno alle ore 3 del mattino del 29 giugno scorso. Stando alla loro versione dei fatti, raccontata anche in numerosi post sui social network, il ragazzo era uscito per andare a comprare dei cornetti. Era fermo in attesa che lo raggiungesse una sua amica. A quel punto, invece, sarebbero arrivati due sconosciuti in moto. Le telecamere di videosorveglianza avrebbero ripreso il ragazzo mentre veniva bloccato dai due, e che lo avrebbero obbligato a seguirlo.

Il 27enne sarebbe salito sul loro mezzo come passeggero, mentre l’altro della coppia si sarebbe messo alla guida dell’Sh 150 del giovane. I tre sarebbero stati ripresi, ancora, mentre si dirigevano dal bar di Soccavo a Pianura, svoltando a destra dopo la rotonda, quindi in direzione di via Padula o via Vicinale Pignatello. Molto probabilmente il ragazzo conosceva i due a bordo della moto e che sia stato attirato in una trappola. Toccherà ora agli inquirenti ricostruire le ore prima del suo sequestro e quanto accaduto in quei momenti.


 

chi era andrea covelli pianura ucciso


 

Le indagini: perché Andrea Covelli è stato ucciso?

Ma perché il giovane è stato ucciso? Le indagini sul caso sono tutt’altro che semplici: stando a quanto si apprende finora, Covelli non risulta vicino a nessun clan, e secondo i familiari non era mai stato coinvolto in nessuna attività criminale. Versioni che al momento sono al vaglio delle forze dell’ordine che stanno indagando sulla cerchia delle sue frequentazioni.

Lupara bianca: la storia di Antonio Natale

La tragica morte di Andrea Covelli ricorda molto la storia di Antonio Natale, il  ragazzo di 22 anni del Parco Verde scomparso il 4 ottobre scorso da Caivano e il cui corpo venne ritrovato il 18 ottobre semi sepolto in un terreno nei pressi di un campo rom, alla periferia del comune del Napoletano; era stato ucciso a colpi di pistola, probabilmente dopo un pestaggio.

Articoli correlati

Back to top button