Cronaca

Omicidio del piccolo Giuseppe a Cardito: condannati il patrigno e la madre

Ergastolo per il patrigno e 6 anni di carcere alla madre

Omicidio del piccolo Giuseppe Dorice a Cardito: condannati il patrigno e la madre. Ergastolo per Tony Essobtri Badri, ritenuto il responsabile materiale dell’omicidio bimbo, ucciso a botte il 27 gennaio del 2019, e 6 anni per la mamma del piccolo, Valentina Casa, corresponsabile della vicenda perchè avrebbe ignorato le continue violenze perpetrate dal compagno ai danni di suo figlio, violenze culminate poi con l’omicidio del bambino.

Cardito, omicidio Giuseppe Dorice: ergastolo al patrigno, 6 anni alla madre

Inchiesta sull’omicidio del piccolo Giuseppe, il bimbo ucciso a Cardito dal patrigno: sono arrivate le condanne per la madre del piccolo e il patrigno. Tony Essobtri Badri e Valentina Casa sono stati condannati, rispettivamente, all’ergastolo e a 6 anni di reclusione.

La testimonianza della sorellina

Durante il processo per l’omicidio del piccolo Giuseppe, sul banco dei testimoni era salita la psichiatra infantile Carmelinda Falco, la dottoressa che visitò la sorellina del piccolo Giuseppe, il 29 gennaio nell’ospedale Santobono di Napoli dove la piccola era stata ricoverata dopo l’omicidio. La piccola, in quella circostanza, aveva risposto alle domande della psichiatra durante un’audizione videoregistrata, in ambiente protetto. La bambina aveva parlato delle violenze subite dal fratello e da lei stessa.

Una madre inadatta

Lo psichiatra consulente del Tribunale dei Minorenni di Napoli, aveva anche tracciato un profilo della madre del piccolo Giuseppe che, secondo il medico “Non è una madre tutelante e protettiva nei confronti dei figli, sacrificava la tutela dei figli alla relazione con il compagno. Violenze ce ne sono state anche in passato ma lei ha sempre tutelato rapporto con il compagno”

Articoli correlati

Back to top button