Economia

Overtourism, nelle prime cinque città c’è anche Napoli

NAPOLI. Si è svoIto ieri, nell’ambito della BTO – BUY TOURISM ONLINE alla Fortezza da Basso a Firenze, il forum cinque città italiane alle prese con il cosiddetto overtourism. Durante la discussione è stato sottoscritto il Protocollo d’intesa “Grandi Destinazioni Italiane per un turismo sostenibile” tra le cinque città rappresentate da:

Anna Paola Concia, Assessora con delega al Turismo del Comune di Firenze;

Isabella Menichini, Direttrice Area Turismo del Comune di Milano;

Nino Daniele, Assessore con delega alla cultura e al Turismo del Comune di Napoli;

Adriano Meloni, Assessore con delega al Turismo del Comune di Roma;

Paola Mar, Assessore con delega al Turismo del Comune di Venezia;

in rappresentanza del Ministero dei beni e le attività culturali e il turismo MiBACT ha partecipato Francesco Palumbo.

Un protocollo per gestire la “pressione turistica”

Il 27 luglio scorso il Ministro Dario Franceschini ha firmato un protocollo di collaborazione tra il Ministero e le cinque città, un primo passaggio per la condivisione di scelte verso la tutela dei luoghi sotto pressione turistica che sono dettagliati nel protocollo di intesa.

Gli Assessori delle destinazioni del Network si sono incontrati il 25 maggio 2017 a Roma per condividere i contenuti del documento, individuando le principali azioni da intraprendere in modo condiviso, proposto nel protocollo.
Si intende in particolare confermare la linea già perseguita con il precedente protocollo d’intesa del mese di ottobre 2013, con i seguenti obiettivi:

• Sviluppare e realizzare azioni unitarie per migliorare la sostenibilità, competitività ed accoglienza del turismo nelle grandi destinazioni italiane.
• Favorire e sviluppare politiche e buone pratiche di turismo sostenibile.
• Favorire lo scambio di esperienze, informazioni e dati relativi al turismo.
• Individuare risorse finanziarie partecipando anche ad opportunità di intervento cofinanziate con risorse del bilancio europeo e/o con risorse internazionali per l’implementazione dei progetti elaborati ed approvati dal network delle GDITS.
• Sviluppare un’azione di promozione e disseminazione dei risultati raggiunti per coinvolgere altri soggetti nazionali, europei ed internazionali.
• Sviluppare iniziative formative comuni.
• Favorire e sviluppare pratiche di coinvolgimento e coordinamento degli stakeholder territoriali, coinvolgendo anche categorie, comitati ed associazioni d’imprese e cittadini, in un’ottica partecipativa.
• Fare propri e perseguire gli obiettivi del vigente Piano strategico per lo sviluppo del turismo in Italia 2017-2021 del MIBACT approvato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 17.02.2017.
• Attivare dinamiche relazioni istituzionali con il MIBACT per lo sviluppo di azioni finalizzate alla sostenibilità.
• Individuare strategie e strumenti condivisi idonei a tutelare le destinazioni turistiche delle città d’arte dai flussi troppo concentrati di visitatori, limitando così i danni alle opere d’arte esposte al sovraffollamento e alla mancanza di sicurezza.

Articoli correlati

Back to top button