Politica

Paolo Siani a Salvini: “Saviano rischia la vita. Lotta alle mafie è una cosa seria”

NAPOLI. Anche Paolo Siani, parlamentare del Pd e fratello del giornalista Giancarlo, ucciso dalla camorra nel 1985, è intervenuto sul dibattito che sta contrapponendo in queste ore il ministro dell’Interno Matteo Salvini e lo scrittore Roberto Saviano.

SAVIANO: “SALVINI È IL MINISTRO DELLA MALAVITA. NON HO PAURA DI TE, BUFFONE”

“Caro Ministro, la lotta alle mafie è una cosa molto seria, la si affronta con coraggio e fermezza.
Noi, uomini e donne del Sud, conosciamo molto bene questa lotta, spesso impari, alla violenza e alle complicità che le mafie mettono in campo”, ha scritto Paolo Siani su Facebook.

Paolo Siani in difesa di Saviano contro Salvini

“Nessun giornalista, magistrato o cittadino sceglie di avere la scorta, e certamente non è contento quando l’ufficio centrale interforze per la Sicurezza personale gliela assegna.
Chi lotta in prima linea le mafie comprende bene, e con lui tutti i suoi familiari, quando la sua vita sia in grave pericolo. Solo chi sfida le mafie conosce questa terrificante sensazione. E la vita di Roberto Saviano è evidentemente in pericolo.

Come tutti i familiari di vittime innocenti delle mafie, mi sono sempre chiesto cosa sarebbe cambiato se Giancarlo, nel suo impegno quotidiano di giornalista contro i clan della camorra, avesse avuto la scorta. Forse sarebbe ancora vivo.

SALVINI: “LE ISTITUZIONI VALUTERANNO SULLA SCORTA A ROBERTO SAVIANO”

Quando le mafie, tutte le mafie, saranno sconfitte è certo che nessuno più avrà bisogno di scorta e Roberto e i tanti giornalisti oggi sotto protezione potranno tornare a vivere una vita normale”. Con queste parole Paolo Siani prende nettamente posizione in un dibattito che sta tenendo banco in maniera sempre più evidente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto