Cultura ed Eventi

“Perché l’Italia non ama più l’arte contemporanea”, Pratesi al Madre

NAPOLI. Perché l’Italia non ama più l’arte contemporanea? Una riflessione sull’arte e il nostro tempo, con Ludovico Pratesi, al Madre.

“Perché l’Italia non ama più l’arte contemporanea?”

Giovedì 7 giugno, alle ore 18.00, al Madre (Sala delle Colonne, primo piano) sarà presentato il volume Perché l’Italia non ama più l’arte contemporanea. Mostre, musei, artisti (Castelvecchi editore, 2017) di Ludovico Pratesi. Ne discuteranno con l’autore il direttore del Madre Andrea Viliani, la curatrice Chiara Pirozzi, il gallerista Alfonso Artiaco e il collezionista Massimo Moschini.

Il libro, introdotto da un’intervista con l’ex Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini, fornisce una panoramica sull’arte contemporanea partendo dalla prima Biennale d’arte a Venezia, ponendo in evidenza le criticità del sistema attuale, che si dimostra inefficace nel sostegno e nella valorizzazione degli artisti. Pratesi crea un’occasione per affrontare importanti quesiti: come mai l’Italia odia l’arte contemporanea? È a causa del peso del nostro patrimonio artistico o ci sono altre ragioni? Perché non sappiamo promuovere i nostri giovani talenti sulla scena internazionale? Come mai non abbiamo una grande collezione nazionale dedicata all’arte di oggi? Partendo da questi interrogativi, vengono delineate alcune direzioni per un nuovo rapporto con l’arte e con il nostro tempo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button