Cronaca

Pompei: turista pentito restituisce un reperto rubato 50 anni fa: “Me ne vergogno, scusate”

"A volte ritornano. Per posta, quasi settimanalmente" ha scritto il direttore del Parco Archeologico di Pompei

50 anni fa ho asportato da edificio di Pompei questo frammento. Me ne vergogno e lo restituisco al proprietario. Scusate!“. Questo recita un biglietto allegato ad un pacco recapitato agli Scavi di Pompei, uno dei più importanti e visitati d’Italia. Un turista, dopo 50 anni, ha restituito un reperto rubato, un frammento di volto trafugato a una domus Scavi.

A rendere noto quanto accaduto, su Instagram, è stato Massimo Osanna, direttore del Parco Archeologico di Pompei, che ha pubblicato una foto del cimelio rubato.

Turisti pentiti dei furti agli Scavi di Pompei: “ormai una prassi”

A volte ritornano. Per posta, quasi settimanalmente” ha scritto il direttore Osanna a corredo della fotografia, a rimarcare che episodi del genere accadono spesso al Parco Archeologico di Pompei. Molti, nel corso degli anni, i reperti rubati dalle domus, ma tanti sono stati anche restituiti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Massimo Osanna (@massimo_osanna)

Qualche mese fa, in ottobre, alcuni turisti stranieri, dopo 15 anni, hanno restituito oggetti rubati agli Scavi durante una loro visita: si tratta di due tessere di mosaico bianco, una parete di ceramica da fuoco e due pareti di anfora; i pacchetti sono stati spediti ai carabinieri e poi riconsegnati alla Soprintendenza.

Anche in quel caso, entrambi i pacchetti erano accompagnati da lettere di scuse degli autori dei trafugamenti. “Li abbiamo presi senza pensare al dolore e alla sofferenza che quelle povere anime hanno provato quando il Vesuvio è eruttato e alla loro terribile morte” scrivevano Alastain e Kimberley. “Ho preso questi tasselli quando ho visitato Pompei, nel 2005. Ero giovane stupida” scriveva invece Nicole.


Leggi anche:

Articoli correlati

Back to top button