Posillipo: condannato il babystupratore di una minorenne

stupro

Ha violato per ben due volte la messa alla prova, quanto basta a far scattare la riapertura del processo: babystupratore condannato a 3 anni di carcere

POSILLIPO. Ha violato per ben due volte la cosiddetta messa alla prova, quanto basta a far scattare la riapertura del processo, con tanto di condanna finale. Ed è stato condannato a tre anni di reclusione, E.A. con l’accusa di violenza sessuale consumata in branco, al termine di un processo lampo.

Stupro di branco: arriva la condanna per un 19enne

Riconosciuta la colpevolezza di E.A., 19 anni, per lo stupro di gruppo consumato a giugno del 2017 tra gli scogli di Marechiaro. Una brutta storia che ha visto finire in comunità tre minori, ritenuti responsabili di aver immobilizzato una ragazza, una minore, e averla costretta a subire ripetuti episodi di violenza sessuale.

Una volta ricorsa alle cure mediche, la ragazza riuscì a risalire all’identità dei propri aggressori e a farli incriminare. Ma il caso risultò scandaloso anche per un altro aspetto. Pochi mesi dopo essere finiti in comunità, i tre ragazzi ottennero dal giudice del Tribunale dei minori il diritto alla messa alla prova:  dimostrarono il loro pentimento e la volontà di cambiare pagina. Per due dei tre indagati, la messa alla prova procede bene, tra incontri con gli psicologi e corsi di formazione; per il terzo, non sono serviti due richiami: processo riaperto, opportunità sprecata e condanna a tre anni di reclusione.

TAG