Cronaca

L’incredibile scoperta nelle acque di Pozzuoli: un puntale di anfora romana a forma di pene

Anfora romana a forma di pene scoperta nelle acque a Pozzuoli: a immortalare il reperto è il professionista Franco Salvatore Ruggiero

Incredibile scoperta nelle acque di Pozzuoli, dove nel corso di un’immersione sportiva il professionista Franco Salvatore Ruggiero ha scoperto un di anfora romana a forma di pene. Si tratta di un reperto piuttosto raro.

Pozzuoli, scoperta un’anfora a forma di pene

Il puntale apparteneva, con molta probabilità, ad un’anfora contenente olio o vino, andata perduta. La caratteristica forma fallica, rinvenuta in diversi contesti del mondo romano, aveva un chiaro significato propiziatorio, al fine di “tutelare” il carico durante il viaggio per mare, spesso rischioso.

Che cos’è l’anfora

L’anfora (dal greco ἀμφορεύς, da ἀμφί + φέρομαι, “esser portato da entrambe le parti”, attraverso il latino amphora) è un vaso di terracotta a due manici, definiti anse, di forma affusolata o globulare utilizzato nell’antichità per il trasporto di derrate alimentari liquide o semiliquide, come vino, olio, salse di pesce, conserve di frutta, miele, ecc. Si possono classificare in fenicie o puniche, greche, etrusche, della Magna Grecia (greco-italiche antiche) e romane.

 

Articoli correlati

Back to top button