Cronaca

A Napoli preti No Vax, l’arcivescovo: almeno fate il tampone prima di celebrare messa

Preti no vax a Napoli, l'arcivescovo Battaglia chiede di sottoporsi a tamponi per continuare a svolgere il servizio

Una richiesta ai preti no vax di Napoli. Lo scorso 25 ottobre – come riportato dal Corriere del Mezzogiorno – l’arcivescovo Domenico Battaglia ha inviato una nota ai sacerdoti, diaconi, ministri straordinari della Comunione, operatori pastorali tutti della Arcidiocesi di Napoli.

Preti no vax a Napoli, la lettera dell’arcivescovo Battaglia

Nel documento don Battaglia ricorda che “lo stato di emergenza prorogato dal Governo italiano fino al 31 dicembre 2021, a causa della nota pandemia in atto, richiede a tutti l’adozione di comportamenti responsabili e generosi”. Don Mimmo richiama il documento della Cei con cui si chiede espressamente ai ministri del culto, ai diaconi e agli operatori pastorali di “accedere alla vaccinazione in mancanza di documentati impedimenti”- Insomma, la Chiesa è stata chiara: vaccinarsi è un dovere oltre che un atto di amore.

I tamponi

“Chiedo a tutti coloro che intendano comunque svolgere il servizio a favore del Popolo di Dio, di sottoporsi al tampone orofaringeo secondo le disposizioni delle autorità sanitarie, al fine di accertare la loro negatività al SarsCov2”.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button