Cronaca

Pride di Napoli, aggressione omofoba: due ragazzi colpiti a cinghiate

Ferma condanna del sindaco

Aggressione omofoba in seguito al Pride a Napoli avvenuto ieri, sabato 2 luglio 2022: due ragazzi colpiti a cinghiate. Denunciati due ragazzi di 18 e 16 anni della Provincia di Napoli. Ferma condanna del sindaco: ” L’episodio non sporca la forza di una manifestazione straordinariamente partecipata dalle associazioni, dagli attivisti e dai singoli cittadini per confermare la natura accogliente di Napoli in cui ci si batte tutti i giorni per l’uguaglianza dei diritti”.

Aggressione dopo il Pride a Napoli: ragazzi colpiti a cinghiate

Ferma condanna da parte dell’Amministrazione in merito all’aggressione omofoba ai danni di due ragazzi dopo la manifestazione di ieri, denunciata dalle vittime e che ha visto l’intervento immediato della forze dell’ordine. L’episodio non sporca la forza di una manifestazione straordinariamente partecipata dalle associazioni, dagli attivisti e dai singoli cittadini per confermare la natura accogliente di Napoli in cui ci si batte tutti i giorni per l’uguaglianza dei diritti”. Così una nota del Comune.

Le parole del partito Gay

“Abbiamo appreso della notizia di due ventenni romani aggrediti nei pressi di Piazza Municipio. Colpiti a colpi di cinghiate e insultati. Quanto accaduto va punito con la massima severità e in attesa di un Parlamento che ha deciso di non legiferare contro l’omofobia ribadiamo l’invito a tutti i sindaci e al Sindaco di Napoli, Manfredi, di approvare urgentemente la nostra delibera contro l’omolesbobitransfobia”.

“La nostra delibera, avrebbe già imposto ai due aggressori una sanzione amministrativa di 500 euro ognuno, considerando l’impossibilità di applicare sanzioni penali in assenza di una legge nazionale che le preveda. Pertanto i ragazzi identificati dalla polizia saranno sanzionati solo con delle norme generiche”.

Articoli correlati

Back to top button