Cronaca

Qualità della vita 2020, la classifica di ItaliaOggi: Napoli al 103esimo posto

Ascoli Piceno è la provincia più sicura d'Italia: seguono Nuoro, Treviso e Oristano

Qualità della vita 2020, la classifica di ItaliaOggi: Napoli al 103esimo posto, Ascoli Piceno è la provincia più sicura d’Italia, seguono Nuoro, Treviso e Oristano. È il dato che emerge dalla classifica 2020 sulla qualità della vita, rispetto a reati e sicurezza, realizzata da ItaliaOggi in collaborazione con l’Università La Sapienza e Cattolica Assicurazioni e giunta alla 22ma edizione.

Qualità della vita 2020, la classifica di ItaliaOggi: Napoli maglia nera

Qualità della vita 2020, la classifica completa di ItaliaOggi verrà pubblicata interamente domani, 30 novembre, ma le prime anticipazioni danno già un’idea di quella che è la situazione in Italia, dove la pandemia non sembra aver alterato gli equilibri tra Nord e Sud.

Penalizzate le grandi città: male anche Torino

L’indagine di quest’anno conferma, come nelle passate edizioni, la permanenza nelle posizioni di coda dei grandi centri urbani: Torino (99ma), Napoli (100), Roma (101), Milano (106), Rimini chiude la classifica in ultima posizione per il terzo anno consecutivo, ma si piazza seconda, dopo Siena, nella sezione tempo libero.

Affari e lavoro

Per quanto riguarda la dimensione affari e lavoro, in testa alla classifica troviamo Bolzano e Bologna, che mantengono le posizioni di vertice già ottenute nelle passateedizioni. Al terzo posto si piazza, come negli ultimi anni, Trento. A seguire Cuneo, Fermo e Rimini. Bologna è in seconda posizione anche nella sezione ricchezza, dopo Milano e istruzione, dopo Trento).

La classifica generale

Cambio al vertice della classifica della qualità della vita: Pordenone al primo posto, seguita da Trento. Nelle prime posizioni, dopo le due province, ci sono due new entry, Vicenza (era 14esimo) e Padova (11). Balzo in avanti di Ascoli Piceno, che dalla 37esima passa alla quinta posizione.

Le conseguenze della pandemia

Perdono posizioni le città più colpite dalla pandemia da Coronavirus: Bergamo scende dal 26esimo posto dell’anno scorso al 40esimo di quest’anno. Lodi scende di 37 posizioni, Milano di 16, Piacenza di 41, Cremona addirittura di 46.

I parametri

Tra i parametri considerati ci sono: affari e lavoro, ambiente, sicurezza sociale, istruzione, formazione capitale umano, reddito e ricchezza, reati e sicurezza, tempo libero e quest’anno, purtroppo, anche la pandemia è diventato un criterio di valutazione.

  • Categoria “affari e lavoro”: Bolzano e Bologna e Trento sul podio, ultima in classifica, come nel 2019, Crotone.
  • Categoria “ambiente”: Trento al primo posto seguita da Milano e Pordenone. Le province che figurano nelle posizioni di testa sono esclusivamente province dell’Italia settentrionale. Come lo scorso anno, chiude la classifica Catania.
  • Categoria “reati e sicurezza”: Ascoli Piceno è la provincia più sicura d’Italia, seguita da Nuoro e Treviso. Rimini, la città più pericolosa, ultima in classifica.
  • Categoria “sicurezza sociale”: Imperia, seguita da Benevento e Ascoli Piceno.
  • Categoria “istruzione e formazione”: vince Trento seguita da Bologna e Trieste. Ultima in classifica è Crotone.
  • Categoria “salute”: Isernia si classifica al primo posto, seguita da Terni, Cagliari.
  • Categoria “tempo libero”: Siena si conferma al primo posto, seguita da Rimini, Aosta. Chiude la classifica, ancora, Crotone.
  • Categoria “reddito e ricchezza”: Milano prima in classifica sul tenore di vita. A seguire ci sono Bologna, Aosta e Parma. Chiude la classifica, come lo scorso anno, la provincia di Crotone.

Emanuela Dente

Personalità eccentrica e geniale, e giornalista attenta e scrupolosa. La sua innata curiosità le consente di vivere ogni esperienza in pieno, acquisendo conoscenze e capacità molto rapidamente. La sua vita è una grande avventura. La sua passione è un dono immenso

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto