Cronaca

Rapina ad un semaforo a Napoli, padre e figlio si fanno consegnare smeraldi e brillanti per un valore di oltre 450mila euro: arrestati dopo due mesi

Rapina ad un semaforo a Napoli: arrestati padre e figlio, accusati del colpo a mano armata ai danni di un rappresentante di gioielli avvenuto l’11 aprile scorso. I due indagati riuscirono a portare via smeraldi e gioielli per un valore di oltre 450mila euro e soldi in contante.

Rapina ad un semaforo a Napoli, arrestati padre e figlio

Sono accusati di una rapina da oltre 450mila euro ai danni di un rappresentante di gioielli i due uomini, padre e figlio rispettivamente di 65 e 47 anni, arrestati dalla Polizia di Stato e finiti in carcere. Il colpo a mano armata risale all’11 aprile scorso.

Secondo le prime informazioni, i due in sella ad uno scooter si avvicinarono all’auto della vittima ferma ad un semaforo in via Marchese Campodisola e, dopo aver infranto il finestrino, uno dei due puntò l’arma contro il torace dell’uomo derubandolo dello zaino che portava a tracolla (poi trovato ripulito in un cassonetto dei rifiuti di via Medina), per poi darsi alla fuga contromano lungo via Cristoforo Colombo. Ricco il bottino che i due asportarono: all’interno dello zaino c’erano smeraldi e brillanti per un valore commerciale di circa 450.000 euro oltre a quasi 10.000 in denaro contante.

Alessia Benincasa

Alessia Benincasa, giornalista del network L'Occhio, è esperta in cronaca nera, politica e inchieste.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio