Rapinatore 14enne si scusa: “Volevo provare emozioni forti”

Durante l’ennesimo tentativo di rapina al bar del figlio, un 69enne ha aggredito e disarmato una coppia di banditi, un 21enne e un 14enne, entrati nel negozio con il volto coperto e con una pistola in mano. É accaduto  a Giugliano in Campania, popoloso comune dell’hinterland partenopeo. Volevo provare un’emozione forte Nel corso degli ultimi […]

Durante l’ennesimo tentativo di rapina al bar del figlio, un 69enne ha aggredito e disarmato una coppia di banditi, un 21enne e un 14enne, entrati nel negozio con il volto coperto e con una pistola in mano. É accaduto  a Giugliano in Campania, popoloso comune dell’hinterland partenopeo.

Volevo provare un’emozione forte

Nel corso degli ultimi mesi il bar aveva subito già 4-5 rapine. Grazie all’eroico gesto dell’uomo, un ex poliziotto, i due malfattori sono bloccati e poi arrestati dagli agenti del locale commissariato. Il maggiorenne, Davide Porro, 21 anni, e il 14enne sono accusati di tentata rapina aggravata e lesioni personali in concorso. Il 69enne è riuscito a bloccare l’arma impugnata dal minorenne e a sganciare il caricatore; il 14enne, di buona famiglia, è però riuscito a liberarsi e con l’arma lo ha colpito alla testa, ferendolo. Con l’aiuto di alcuni avventori i due sono stati bloccati e consegnati agli agenti.

Il minorenne, anche lui di Giugliano, avrebbe rivelato  alla polizia che l’avrebbe fatto per “provare un’emozione nuova”. Una rapina che sarebbe stato tentata quindi per noia da un ragazzino proveniente da una famiglia perbene.
Sequestrata l’arma risultata una replica in metallo di una semiautomatica priva del tappo rosso.

TAG