Cronaca

Rider picchiato a Napoli, i giovani fermati piangono in Questura: “Era la nostra prima rapina”

Rider picchiato a Napoli, cosa hanno detto i giovani nell'interrogatorio in Questura: "Era la nostra prima rapina"

Emergono i dettagli sull’interrogatorio al quale sono stati sottoposti i 6 ragazzi che hanno picchiato il rider Napoli nella serata di 3 dicembre. Ieri mattina sono stati prelevati dagli agenti della Polizia di Stato, accusati di aver aggredito rapinato Gianni, un 50enne che lavora come rider.

Rider picchiato a Napoli, l’interrogatorio dei ragazzi arrestati

Come riportato dall’edizione odierna de Il Mattino, erano in 6. Due di 16 anni e due di 17, questi ultimi figli di genitori coinvolti in indagini sulla camorra e sulla faida di Secondigliano. “Volevamo andare a mangiare un panino, poi abbiamo visto quella moto nuova e abbiamo fatto la rapina. Troppa violenza? Era la nostra prima rapina” hanno raccontato piangendo agli agenti della Questura.


Rider rapinato a Napoli: ci sono anche 2 figli di un boss del clan Di Lauro tra i fermati


Le reazioni al video

Nel decreto di fermo del pm si legge: “Gli stessi dinanzi al video diventato virale riconoscevano se stessi e, comprendendo che il cerchio intorno a loro si stava stringendo, cominciavano a presentarsi in Questura per affermare le loro responsabilità” e soffermandosi su R.M., uno dei giovani fermati, spiega: “pur limitandosi a confessare quel che ormai era innegabile, dichiarava di non conoscere i nomi dei suoi complici. Atteggiamento, il suo, per quanto ordinario diventato poi ridicolo allorquando il suo complice, C.G., in contemporanea lo smentiva facendo dichiarazioni alla Polizia poi confermate al magistrato”.

Articoli correlati

Back to top button