Cronaca

Ritrovato il corpo senza vita di Antonio, era stato picchiato per soldi prima di scomparire nel nulla

Trovato morto Antonio Natale, il 22enne era scomparso da Caivano dal 4 ottobre: secondo le ricostruzioni, è stato picchiato prima di sparire nel nulla

Antonio Natale è stato trovato morto nei pressi di un campo rom non autorizzato di Casola, frazione di Caivano. Il ritrovamento è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri, lunedì 18 ottobre, due settimane dopo la scomparsa del 22enne del Parco Verde di Caivano di cui si erano perse le tracce nella serata del 4 ottobre. Stando alle prime indiscrezioni del caso, prima della tragedia sarebbe stato picchiato per soldi.

Caivano, Antonio Natale morto: è stato picchiato prima della scomparsa

Al momento l’ipotesi più accreditata è quella di una “punizione” forse legata all’impossessamento di una somma di denaro derivata da una partita di droga. Proprio per quella quantità di soldi, stando a quanto rende noto Il Corriere della Sera, Antonio, poco prima di sparire, era già stato picchiato, tornando a casa con viso gonfio e lividi.

Chi ha ucciso Antonio Natale

Stando alle prime indiscrezioni, nel caso sarebbero coinvolti due fratelli, dei quali uno che ad appena 21 anni è già responsabile di una delle più grosse piazze di spaccio del Parco Verde. Antonio Natale potrebbe essere stato tradito da uno dei suoi amici, uno degli ultimi ad averlo visto. Anche il movente, dopo una notte di interrogatori, sarebbe stato individuato.

Per i suoi carnefici, Antonio Natale era colpevole di aver “rubato” decine di migliaia di euro dalla cassa comune della piazza di spaccio, di aver fatto sparire un carico d’armi, di aver partecipato senza “permesso” a quel mucchio selvaggio che diede il là alla mega stesa di fine luglio nel Parco Verde, quando una trentina di ragazzi a bordo di moto di grossa cilindrata, in pieno giorno, esplosero centinaia di colpi di Kalashnikov terrorizzando il quartiere.

Una veggente

Nei giorni scorsi gli inquirenti sarebbero stati messi sulla pista giusta da una veggente, la quale avrebbe parlato di “guai, grossi guai. Vedo sangue, morte, carcere, vedo le guardie”.

Articoli correlati

Back to top button