Cronaca

Rossopomodoro, spruzza deodorante sui lavoratori stranieri, le indagini

NAPOLI. Rossopomodoro, spruzza deodorante sui lavoratori stranieri. Accade in uno dei noti punti di ristoro napoletano, a Milano.

Rossopomodoro, spruzza deodorante sui lavoratori stranieri

Un deodorante spray usato per eliminare il cattivo odore di alcuni lavoratori di colore. È questa la denuncia di una dipendente della catena Rossopomodoro realizzato nelle cucine del locale della stazione Centrale a Milano. «Guardate, così si trattano le straniere dove lavoro io, che vergogna», scrive sul suo profilo Facebook Biancavee Ortill.


rossopomodoro


L’episodio

Un uomo che viene chiamato «capò» e indossa la maglietta rossa della nota pizzeria che chiede, alternando italiano e napoletano, ad alcuni dipendenti stranieri di alzare la maglietta per poter spruzzare il deodorante. «Ma questo non ce lo avete a casa? Perché non lo mettete?», dice l’uomo prima di spruzzare in abbondanza lo spray.

L’uomo richiama a uno a uno i lavoratori immigrati della cucina, ognuno intento in varie mansioni. Gli chiede con insistenza di alzare la maglietta e poi gli spruzza addosso lo spray deodorante. C’è chi quasi divertito, assistendo alla scena dice «oh…disinfestazione». Una scena agghiacciante che in poche ore ha fatto il giro del web raggiungendo circa 1250 condivisioni e quasi mille commenti indignati.

La solidarietà

C’è chi esprime solidarietà per i dipendenti e chi dice «È vergognoso, cancellerò questa pizzeria dalla mia vita». Tra i commenti anche le parole di altri immigrati: «Quando questo è il solo lavoro che possiamo trovare in Italia preferisco non lavorare». E ancora, «Non posso sopportare un episodio del genere. Sono orgoglioso di essere africano».

Aperta l’inchiesta

Intanto Rossopomodoro con una nota prende nettamente le distanze dall’episodio e annuncia di aver immediatamente avviato una inchiesta interna. La catena specifica che il personaggio ripreso nel video è un dipendente della catena. «Rossopomodoro prende le distanze e si dissocia fermamente dal comportamento discriminatorio che non appartiene né per costume, né per tradizione, né per vocazione all’azienda di origine partenopea. L’amministratore Delegato Roberto Colombo precisa che il Gruppo Sebeto ha tra i suoi collaboratori ragazzi e ragazze di diverse etnie e di tutte le regioni d’Italia e che non si sono mai verificati in tanti anni di storia del gruppo, problemi di questo genere».

I comportamenti inadeguati

Nello stesso tempo l’Ad Sebeto conferma che la direzione non ha mai ricevuto doglianze dai suoi dipendenti o da chicchessia per comportamenti inadeguati del proprio personale e che sulla vicenda è stata disposta una inchiesta interna all’esito della quale saranno assunti tutti i provvedimenti che risulteranno necessari per preservare l’onorabilità dell’azienda. «Rossopomodoro assume ed ha sempre assunto il personale indipendentemente dalle proprie origini tant’è che nella forza lavoro già attiva in Italia i dipendenti provenienti da fuori Italia rappresentano il 35% della forza lavoro complessiva».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto