Rubano tutto lo stipendio al cameriere, lui li denuncia e li fa arrestare

Un intero stipendo, pari a 700 euro, rubato da due delinquenti che poi scappano lungo la circumvallazione esterna: in manette anche il nipote di un ex boss

GIUGLIANO IN CAMPANIA. Un intero stipendo, pari a 700 euro, rubato da due delinquenti che poi scappano lungo la circumvallazione esterna. Si tratta di Francesco De Luise, 40 anni e D.C. incensurato, nipote di un ex boss di Qualiano assassinato qualche anno fa. I due avevano rapinato, tre anni fa, un uomo di origini straniere che aveva appena ritirato il suo salario dopo un mese di duro lavoro in un ristorante della zona. La notizia è riportata da Il Mattino.

La denuncia del cameriere

La vittima, disperata, aveva anche tentato di reagire e  per questo fu strattonata e ferita. Ad indagare sul caso i carabinieri della stazione di Qualiano che effettuarono un primo fermo trasformatosi poi in ordinanza della Procura di Napoli nord. I due devono espiare la pena 1 anno e 9 mesi di reclusione, poiché riconosciuti colpe­voli in concorso di rapina aggravata.

È probabile che i due rapinatori avessero seguito il cameriere e che da giorni ben sapessero come agire. Avevano infatti atteso che il lavoratore ritirasse lo stipendo per poi rubarglielo senza pietà. Ora si trovano in carcere a Poggioreale.

TAG