Cronaca

Santo del giorno 4 marzo, oggi si celebra San Casimiro

Santo del giorno 4 marzo. San Casimiro (Cracovia, 3 ottobre 1458 – Hrodna, 4 marzo 1484) è venerato come santo patrono della Polonia e della Lituania dalla Chiesa cattolica, che lo ricorda il 4 marzo.

Santo del giorno 4 marzo, oggi si celebra San Casimiro

Casimiro della nobile famiglia dinastica dei Jagelloni, nacque a Cracovia nel Wawel, il famoso palazzo reale della città. Terzogenito di Casimiro IV re di Polonia, e della regina Elisabetta d’Austria, nipote di Ladislao II di Polonia. Suo nonno materno era Alberto II d’Asburgo, Re di Boemia, d’Ungheria, e “Re dei Romani” nel Sacro Romano Impero.

Dall’età di nove anni ricevette la propria educazione da Giovanni Dlugosz, storiografo e canonico di Cracovia, e da Filippo Buonaccorsi (anche conosciuto come Callimachus). A tredici anni gli fu offerto il trono d’Ungheria dalle fazioni avverse al Re Mattia Corvino al momento in carica. Casimiro, inizialmente entusiasta di difendere i territori cristiani dai Turchi, esternò la propria disponibilità in tal senso e si recò in Ungheria per essere incoronato. La sua nomina aveva legittimazione per il fatto che suo zio Ladislao III, Re di Polonia e di Ungheria, era stato ucciso nella battaglia di Varna nel 1444. Appena seppe però della contrarietà del Papa Sisto IV alla sua incoronazione, contrarietà legata all’obiettivo di non accrescere le tensioni già elevate con l’Impero Ottomano, Casimiro fece ritorno nella propria terra polacca.

Suo padre, Re Casimiro IV, iniziò allora ad indirizzarlo verso la politica interna della Confederazione polacco-lituana e sugli affari pubblici del regno e quando suo fratello Ladislao ascese al trono boemo, Casimiro diventò l’erede designato per il trono polacco. Nel 1479 il Re si recò per 5 anni in Lituania, lasciando di fatto il figlio al potere in Polonia. Dal 1481 al 1483 amministrò lo Stato con grande saggezza ed equilibrio. Suo padre nel frattempo cercò di combinare il suo matrimonio con la figlia dell’Imperatore Federico III, ma Casimiro preferì rimanere celibe. Per la sua grande devozione religiosa, si esponeva a frequenti e prolungati digiuni che forse minarono il suo stato di salute. Indebolito nel fisico, fu colpito dalla tubercolosi, dalla quale non riuscì più a guarire. Nel 1484, durante un suo viaggio in terra lituana, morì a Hrodna. I suoi resti mortali furono sepolti a Vilnius, dove sono ancora conservati in una cappella della Cattedrale della città.

Altri santi e venerazioni di oggi:

– Sant’ Appiano di Comacchio
Monaco

– San Basino di Treviri
Vescovo

– Beati Cristoforo Bales, Alessandro Blake e Nicola Horner
Martiri

– Santi Fozio, Archelao, Quirino e diciassette compagni
Martiri

– San Giovanni Antonio Farina
Vescovo

– Beati Miecislao Bohatkewicz, Ladislao Mackowiak e Stanislao Pyrtek
Sacerdoti e martiri

– San Pietro I (Pappacarbone)
Abate di Cava

– Beata Placida Viel
Vergine

– Beato Umberto III di Savoia
Conte

– Beato Zoltan Lajos Meszlenyi
Vescovo e martire

– San Lucio I
Papa

Articoli correlati

Back to top button