Cronaca

Turista australiano in giro per gli scavi di Pompei con lo scooter: denunciato

Tra gli scavi di Pompei con lo scooter: nei guai australiano, è stato denunciato per accesso abusivo all’interno del parco archeologico

In giro per gli scavi di Pompei con lo scooter. Sono stati i Carabinieri a fermare uno scooter all’altezza di “Porta Anfiteatro”, in sella un uomo. Si tratta di turista australiano di 33 anni che era entrato abusivamente nel Parco archeologico attraverso il varco di Porta Vesuvio dove alcuni addetti erano impegnati in attività di routine.

Pompei, con lo scooter tra gli scavi

Quando i militari lo hanno fermato si è scusato dicendo di non sapere che quei viali una volta percorsi da bighe e calzari fossero vietati ai mezzi non autorizzati. Fatto sta che aveva percorso con uno scooter a noleggio un chilometro e mezzo di “storia” approfittando dell’apertura momentanea di un passaggio di servizio. I Carabinieri del Posto Fisso Scavi e la vigilanza del Parco lo hanno immediatamente notato e raggiunto. Appurato che non fosse stato arrecato alcun danno al patrimonio archeologico, l’uomo è stato denunciato per accesso abusivo all’interno del parco archeologico.

Nella stessa giornata i Carabinieri della compagnia di Torre Annunziata hanno effettuato un servizio a largo raggio sulle principali vie di accesso al Parco di Pompei. Sanzionati 4 autisti di taxi e Ncc per violazioni al codice della strada e alle ordinanze comunali che disciplinano il trasporto nell’area sottoposta a tutela. Sanzionati anche 7 esercizi commerciali per l’occupazione abusiva di suolo pubblico. I titolari avevano occupato senza autorizzazione dello spazio comunale con totem pubblicitari e tavolini con sedie per la consumazione di cibi e bevande.

La nota del Parco

A precisazione della nota stampa del Comando Provinciale Carabinieri di Napoli diffusa ieri pomeriggio, relativamente all’intrusione di un turista straniero in scooter nell’area archeologica di Pompei, si chiarisce che il turista introdottosi attraverso il varco di servizio di Porta Vesuvio, seguendo l’ingresso di auto di ditte di cantiere, ha percorso un tratto esterno della città e non strade antiche. L’intrusione ha determinato l’attivazione immediata della squadra di vigilanza del Parco che è riuscita a bloccarlo fino all’arrivo dei carabinieri.

Il tratto percorso è un viale esterno alla cinta muraria della città antica, in terra battuta, utilizzato dalle ditte impegnate in cantieri di lavori di scavo, messa in sicurezza e restauro e non accessibile al pubblico. Pertanto, non c’era pericolo né per i visitatori del sito né per il patrimonio archeologico in nessun momento dell’episodio, che si è concluso dopo pochi minuti grazie all’efficiente servizio di vigilanza e videosorveglianza del Parco archeologico.

Articoli correlati

Back to top button