Cronaca

Scolaresca del Nord canta “Vesuvio lavali col fuoco”, la denuncia di un attore napoletano

Daniele Russo, attore teatrale e presidente della Fondazione Teatro di Napoli dal 2010, di ritorno in treno dalla sua tournèe è stato vittima di un episodio razzista da parte di una scolaresca del Nord. L’attore che non è solito sfogarsi sui social, ha però deciso di denunciare l’episodio su facebook.

La denuncia di un attore napoletano

Ieri sera sul treno da Bologna a Napoli c’era un’allegra scolaresca del nord in gita partita probabilmente da Verona o Trento (il treno nasceva a Bolzano) e diretta a Napoli. Arrivati a Roma non hanno più resistito al lungo viaggio ed hanno tirato fuori una chitarra iniziando a cantare a squarciagola con tutto il vagone che stancamente li ha lasciati fare. Sono partiti dai classici da falò in spiaggia fino ad arrivare a canzoni goliardiche pseudoerotiche e cori dei pompieri! A un quarto d’ora dall’arrivo in treno la perla….”Vesuvio lavali col fuoco”!!!”.

Li ho invitati a non cantare più quella canzone e di vergognarsi sottolineando che avevamo avuto la compiacenza di lasciarli strillare per un’ora”.

Il professore della scolaresca si sarebbe giustificato in questo modo: “Mi ha detto che stavo esagerando e che dovevo avere le PALLE di dirgli prima che non dovevano cantare senza minimamente toccare l’argomento della “canzone” che avevano appena intonato i suoi alunni!!! “.

Insomma avevo sbagliato io, non loro, loro erano nel giusto! Inutile dire che stavo avendo un attacco di bile e che alla fine si è dovuto solo vergognare in silenzio ascoltando le lamentele di diversi di noi. E per fortuna sua e dei ragazzi sul treno non c’erano persone più fumantine”, conclude Daniele Russo su Facebook.

 

 


Articoli correlati

Back to top button