Cronaca

Scomparsi in Messico, arrestato il presunto mandante del sequestro

NAPOLI. “Un arresto eccellente, di colui che potrebbe essere il mandante del sequestro dei tre italiani in Messico, potrebbe presto rivelare informazioni sensibili sulla sorte dei tre nostri connazionali”.

Lo riferisce all’Ansa l’avvocato Claudio Falleti, legale delle famiglie dei tre napoletani scomparsi in Messico (Raffaele Russo, 60 anni, il figlio Antonio Russo, 25 anni, e suo nipote Vincenzo Cimmino, 29 anni) di cui non si hanno più notizie dallo scorso 31 gennaio.

Scomparsi in Messico, l’arresto

“Le forze dell’ordine hanno arrestato Josè Guadalupe Rodriguez Castillo – aggiunge l’avvocato – ritenuto a capo del cartello criminale Jalisco Nuova Generazione. Lo ho appreso da una conferenza stampa convocata per illustrare il blitz”.

Secondo quanto riferisce l’avvocato Falleti, l’arresto di Josè Guadalupe Rodriguez Castillo, detto el Quince, conosciuto anche con il soprannome di don Lupe, ritenuto a capo del cartello Jalisco Nuova Generazione, sarebbe giunto al termine di una attività investigativa condotta da uno speciale gruppo investigativo. Indagini, spiega l’avvocato, “coordinate dalla Procura generale della Repubblica del Messico, estese anche negli stati confinanti con Jalisco”.

Dei tre napoletani, scomparsi dalla città di Tecalitlan dello stato di Jalisco, non si hanno più notizie dallo scorso 31 gennaio. Durante l’interrogatorio degli agenti arrestati in quanto ritenuti coinvolti nella scomparsa dei tre napoletani, è emerso che furono consegnati a un certo don Angel. “Don Lupe, o el Quince, così com’è conosciuto – ha detto ancora Falleti – e don Angel, potrebbero, verosimilmente, essere la stessa persona”.

“Nel blitz in cui è stato arrestato el Quince, è stato arrestato – dice infine Falleti – anche Josè Guadalupe Rodriguez Doroteo, detto el junior, ritenuto elemento di vertice dello stesso cartello criminale messicano”.

Secondo quanto riportano media locali, infine, lo scorso 10 luglio sarebbe stata anche trovata una vettura utilizzata dai tre napoletani scomparsi. L’auto, una Honda, è stata trovata ad Apatzingàn, nel Michoacàn. A riferire questo particolare, nel corso di una intervista radiofonica, sarebbe stato Gualberto Ramìrez, capo dell’unità investigativa speciale che si occupa di indagare sulle persone scomparse.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button