Sicurezza stradale, diventa obbligatorio il salvavita in auto

Da aprile tutte le autovetture nuove, omologate a partire da tale data, dovranno essere dotate di un sistema eCall dell'Unione Europea

NAPOLI. Importanti novità nell’ambito della sicurezza stradale. Il salvavita in auto diventa obbligatorio. Da aprile, in ottemperanza a una disposizione europea, tutte le autovetture nuove, omologate a partire da tale data, dovranno essere dotate di un sistema eCall dell’Unione Europea.

Secondo i dati forniti dalla Commissione Europea, l’allerta lanciata tempestivamente dal servizio eCall e la conoscenza delle coordinate relative al luogo dell’incidente consentirebbero di dimezzare i tempi di arrivo dei soccorsi. Ogni anno con questo sistema potrebbero essere salvate 2.500 vittime della strada.

Salvavita in auto, come funziona

Il salvavita permette di attivare automaticamente la chiamata d’emergenza al 112, in caso di incidente stradale.

La vettura stabilisce una comunicazione vocale con la centrale dei soccorsi. Se a bordo dell’auto non risponde nessuno, viene avvisato subito il più vicino servizio di pronto intervento. Quest’ultimo riceve l’esatta posizione Gps della vettura e ulteriori informazioni, tra cui il numero delle persone rilevate a bordo (sulla base dei dispositivi di chiusura delle cinture di sicurezza scattati) e il senso di marcia dell’automobile, prima dell’incidente.

Nei prossimi anni la Commissione europea valuterà, inoltre, se renderlo obbligatorio anche su furgoni, tir o corrieri.

TAG