Cronaca

Soldi falsi nel napoletano: sequestrati 36 milioni

Finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria di Napoli e del nucleo speciale polizia valutaria di Roma hanno scoperto nell‘area vesuviana una stamperia clandestina nella quale sono stati trovati circa 36 milioni di euro falsi. I falsari, due campani di 36 e 37 anni rispettivamente residenti a Casoria e a Napoli, sono stati arrestati per falsificazione di banconote.

Maxi sequestro di soldi falsi nel napoletano

Scoperto nell’area vesuviana un opificio attrezzato con macchine da stampa off set particolarmente sofisticate e altamente performanti, ed era stato ricavato all’interno di un immobile dove veniva ufficialmente svolta un’attività commerciale legata alla lavorazione e commercializzazione di carne suina nell’area industriale del comune di Pomigliano d’Arco. I locali, di proprietà di una società di leasing estranea alla vicenda e locali al titolare dell’attività di produzione di insaccati, erano collocati al piano terra dell’edificio.

I finanzieri, insospettiti dagli inusuali movimenti di mezzi pesanti utilizzati per trasportare le voluminose apparecchiature all’opificio, hanno operato una costante sorveglianza del luogo ricostruendo i movimento degli indagati. Gli accertamenti effettuati sulle banconote falsificate hanno permesso di constatarne la pregevole fattura, in grado di ingannare facilmente chiunque ne fosse venuto in possesso.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button