Cronaca

Sorrento, lavapiatti trovato morto nel parcheggio dell’hotel: aperta inchiesta

Dopo la denuncia dei parenti, la salma di Francesco Cioffi è stata messa a disposizione della Procura di Torre Annunziata

Sorrento, lavapiatti trovato morto nel parcheggio dell’hotel: aperta inchiesta. La borsa con i vestiti del lavoro scomparsa e gli ultimi minuti di vita da ricostruire attimo dopo attimo. Sarebbe morto per un malore improvviso Francesco Cioffi, 73 anni, originario di Castellammare di Stabia.

Giallo a Sorrento, lavapiatti trovato morto nel parcheggio

La famiglia, assistita dal legale Michele Riggi, ha sporto denuncia e chiesto di fare luce su quanto accaduto dopo il suo senza vita di Franceso. E l’autorità giudiziaria ha disposto per questo l’autopsia sul corpo dell’uomo. Secondo le prime ricostruzioni fatte dagli investigatori, l’uomo potrebbe essere morto per un malore. Ad ucciderlo potrebbe essere stato un infarto fulminante.

I dubbi

Come riporta “Il Mattino”, ciò che fa insospettire i familiari è l’assenza di colleghi e datori di lavoro del lavapiatti al loro arrivo, così come la mancanza di comunicazioni tra la struttura ricettiva e la famiglia. Dopo la denuncia dei parenti, la salma di Francesco Cioffi è stata messa a disposizione della Procura di Torre Annunziata ed è stata trasferita all’obitorio di Castellammare di Stabia, in attesa dell’esame autoptico che servirà a chiarire se ci sia correlazione tra quelle ferite e la morte di Cioffi, se dunque il 63enne sia rimasto vittima di un evento accidentale o di un’aggressione.

Fonte: Il Mattino

Articoli correlati

Back to top button