Cronaca

Indagato il poliziotto che ha sparato a Luigi Caiafa: domani l’autopsia sul corpo del 17enne

Sparatoria a Napoli, al momento il poliziotto che ha sparato al rapinatore 17enne Luigi Caiafa è indagato, un atto dovuto, secondo i magistrati. L’autopsia sul corpo del 17enne è prevista nella mattinata di domani.

Sparatoria a Napoli: indagato poliziotto che ha ucciso Luigi Caiafa

Indagato il poliziotto che ha sparato a Luigi Caiafa, durante la rapina che si è consumata ieri tra via Duomo e via Marina. Un atto dovuto, secondo i magistrati, in vista dell‘autopsia sul corpo del 17enne prevista probabilmente già nella mattinata di domani. La convalida del fermo del complice, il 18enne Ciro De Tommaso, è prevista per domani.

Rapinatore ucciso a Napoli: chi era Luigi Caiafa

La vittima, Luigi Caiafa, avrebbe compiuto 18 anni il prossimo dicembre, il giovane era già noto alle forze dell’ordine: il padre del 17enne è infatti Ciro Caiafa, ritenuto vicino al clan Mazzanti-Terracciano e arrestato nel novembre del 2016, mentre da latitante si nascondeva in un’abitazione del centro storico di Napoli.

La messa in prova

Aveva ottenuto la messa alla prova, dopo essere stato arrestato in un blitz antidroga messo a segno a casa di un boss del narcotraffico dei Quartieri Spagnoli. Aveva dosi di cocaina in tasca, ed era finito in una comunità di recupero. Una volta dinanzi ai giudici, però, aveva ottenuto la messa in prova, un istituto che si basa su una sorta di compromesso: aveva ammesso le proprie responsabilità per la storia della droga, ma aveva ottenuto il permesso di lasciare la comunità, per intraprendere un percorso formativo, di lavoro e di riabilitazione.

Articoli correlati

Back to top button