Spiagge libere in Campania: il rapporto di Legambiente

spiagge-libere-campania-legambiente

Il rapporto di Legambiente sulle spiagge libere in Campania. Il Cilento rimane la perla della regione, maglia nera per il litorale domitio

Secondo il rapporto di Legambiente, in Campania le spiagge sono libere per il 33%. Sono 3.967 le concessioni demaniali marittime, di cui 916 sono per stabilimenti balneari, 137 per campeggi, circoli sportivi e complessi turistici, mentre le restanti sono distribuite su vari utilizzi

Il rapporto di Legambiente sulle spiagge libere in Campania

Il rapporto “Spiagge 2019” diffuso ieri da Legambiente, spiega come l’impatto dei cambiamenti climatici, l’erosione dei litorali e una cementificazione selvaggia stiano ridisegnando i contorni delle coste.

Le concessioni indiscriminate

Ma la regione Campania resta tra le peggiori per le spiagge libere, grazie soprattutto alle concessioni rilasciate senza controlli.

Complessivamente si può stimare che le concessioni superano il 67% di occupazione delle spiagge campane. Ciò significa che solo il 33% del litorale è libero.

Cilento isola felice

Il Cilento rimane ancora una regione quasi incontaminata, che mantiene il primato per il numero di spiagge con la Bandiera Blu.

Il litorale domitio, invece, rimane il peggiore. Mondragone, ad esempio, su 8,4 chilometri di costa, presenta ben 51 stabilimenti pari al 54 % di costa occupata.

TAG