Tenta il suicidio dal secondo piano: donna salvata dagli operatori del 118

Suicidio evitato a Napoli: "L’operatore di Centrale ha magistralmente trattenuto la giovane al telefono fino all’arrivo del mezzo di soccorso"

NAPOLI. Un suicidio sventato dall’intervento tempestivo degli operatori del 118. Alle ore 2.00 di questa notte, alla Postazione San Paolo giunge telefonata dalla Centrale Operativa per intervento nel cuore di fuorigrotta, la chiamata è per giovane donna quarantenne che si vuole suicidare gettandosi dal settimo piano. Lo raccontano dalla pagina Facebook Nessuno tocchi Ippocrate.

Suicidio sventato a Napoli

“L’operatore di Centrale ha magistralmente trattenuto la giovane al telefono fino all’arrivo del mezzo di soccorso”, prosegue il racconto.

“Una volta sul posto l’equipaggio non ha esitato un attimo a salire verso l’abitazione della giovane. giunti sul pianerottolo i soccorritori trovano la porta aperta…..si inoltrano nell’appartamento e trovano la ragazza fuori al balcone al telefono con l’infermiere di Centrale.

Con un gesto di abbraccio l’equipaggio la invita ad avvicinarsi, finalmente rientra nell’appartamento e si butta tra le braccia del l’infermiere!

L’equipaggio, unitamente alla giovane, si dirigono al San Paolo per le cure del caso!

La postazione San Paolo si congratula con l’operatore di centrale, infermiere di grande esperienza che ha saputo gestire il momento buio della povera ragazza.

“Una vita salvata non ci fa sentire il peso di 48 aggressioni.” Il commento del medico di postazione”, concludono.

TAG