Cronaca

Duplice omicidio a Terzigno. Il boss Birra assolto dalla Cassazione

TERZIGNO. Scagionato dall’accusa di mandante del duplice omicidio dei fratelli Manzo, questa la sentenza nei confronti di Giovanni Birra, il boss dell’omonimo clan.

LA SENTENZA DELLA CASSAZIONE

Secondo la corte di Cassazione infatti, il capoclan di via Cuparella non avrebbe dato ordine di eliminare i due fratelli presso il bar “Maemi” di Terzigno l’11 febbraio del 2007. Accolta quindi la difesa del legale di Birra il quale sosteneva che al momento dell’efferato omicidio il suo assistito si trovava già in carcere al regime di 41bis e quindi impossibilitato a dare ordini.

GLI IMPUTATI

Esecutori materiali del duplice omicidio, secondo l’attività distrettuale Antimafia furono Stefano Zeno insieme a due sicari del clan Gionta, Michele Chierchia e Pasquale Gionta tutti e tre ora detenuti al regime di carcere duro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button